I casi di Covid aumentano anche a Ceriano: ora sono 53 i positivi

Più delle metà sono giovani nati dal 2000 in poi.

I casi di Covid aumentano anche a Ceriano: ora sono 53 i positivi
Groane, 26 Ottobre 2020 ore 19:01

Il sindaco di Ceriano Laghetto, Roberto Crippa, ha fornito ieri sera gli ultimi dati sulla diffusione del contagio da Covid19 in paese, che rivelano un allarmante aumento concentrato soprattutto negli ultimi giorni. Si è infatti passati dai 26 positivi e 13 sottoposti a sorveglianza attiva del 19 ottobre scorso, ai 53 positivi e 28 sottoposti a sorveglianza attiva del 24 ottobre. Un raddoppio di casi in soli cinque giorni.

I casi di Covid aumentano anche a Ceriano: molti sono giovanissimi

Altro dato significativo è l’incidenza di giovani e giovanissimi nella diffusione del Covid 19: dei 53 positivi attualmente registrati a Ceriano Laghetto, sono 27, uno in più della metà, quelli nati dall’anno 2000 in poi. Andando ancora più nel dettaglio dell’analisi dei dati, si scopre che tra i positivi segnalati ci sono 2 bambini in età di scuola d’infanzia, 6 in età da scuola primaria di primo grado e 5 ragazzi in età di scuola secondaria di primo grado.

Da oggi è entrato in vigore il nuovo Dpcm che insieme all’ordinanza di Regione Lombardia, stabilisce nuove restrizioni.

Oltre a ricordare le regole contenute nel nuovo Dpcm il sindaco Roberto Crippa ha rilanciato la raccomandazione all’uso della mascherina, con l’attenzione a rinnovarla spesso, l’igienizzazione delle mani e delle superfici e il distanziamento sociale. Il Primo cittadino si è anche messo in tantto con i membri della Coc (Centro di coordinamento comunale), cominciando dal preavviso a Protezione civile e medici di base per valutare in particolare servizi per anziani e disabili e persone fragili. “La situazione è complicata, non serve allarmismo ma consapevolezza della necessità di alzare tutti il livello attenzione. Serve l’impegno di tutti”.

TORNA ALLA HOME 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia