I Fratelli Maristi dovranno lasciare la direzione didattica di tre scuole

Genitori e docenti delle parrocchiali di Cesano Maderno contestano la scelta: "Ci sentiamo traditi".

I Fratelli Maristi dovranno lasciare la direzione didattica di tre scuole
Seregnese, 18 Giugno 2018 ore 12:00

A Cesano Maderno, la Parrocchia di Binzago e i Fratelli Maristi interrompono la loro collaborazione quasi ventennale: a settembre, le scuole parrocchiali (una primaria e due dell’infanzia) cambieranno la direzione didattica.

La contestazione dei genitori

L’annuncio ufficiale è arrivato alle famiglie venerdì pomeriggio, tramite una comunicazione congiunta della Parrocchia e dei Fratelli. Ed è polemica. Riuniti in assemblea, mamme e papà hanno deciso di costituire un comitato e sono pronti anche a ritirare i propri figli se non si riapriranno le trattative tra l’ente gestore e i Fratelli. “Non vogliamo rinunciare all’impronta marista per la formazione didattico-educativa dei nostri bambini”, spiegano, dicendosi “traditi” dal venir meno del patto sottoscritto all’atto dell’iscrizione.

La parole della Parrocchia

“Comprendiamo che è un passaggio che suscita in voi tante domande e di fronte al quale volete certezze per i vostri figli”, ha scritto il parroco della Beata Vergine Immacolata, don Romeo Cazzaniga, ai genitori, annunciando un incontro-confronto a breve, in cui sarà presentata la proposta del prossimo anno. “La prima certezza – così il sacerdote – è che i vostri ragazzi rimangono il bene più importante per la scuola e che la scuola continuerà con gli stessi valori e la stessa qualità con cui ha lavorato finora”.

Diciotto anni al fianco dei più piccoli

I Maristi hanno preso in carico la direzione della scuola primaria di Binzago diciotto anni fa e nel 2015 è stata affidata loro anche quella delle due scuole dell’infanzia, a Binzago e alla Sacra Famiglia. Per tre anni Parrocchia e istituto religioso hanno cercato di scrivere una convenzione che regolasse il loro rapporto e definisse meglio ruoli e responsabilità. Diverse le ipotesi, nessuna soluzione. Fino alla decisione del 25 maggio, di parroco e Consiglio pastorale, di “conservare le scuole con titolarità, direzione didattica e pastorale”. Preoccupati anche i docenti: giovedì hanno scritto una lettera alla Curia di Milano.

Il servizio completo sulla vicenda sul Giornale di Seregno in edicola questa settimana.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia