Solidarietà' senza confini

I musulmani di Meda donano fondi e sangue: “Così aiutiamo l’Italia che ci ha accolto” FOTO E VIDEO

L'associazione culturale Pace scende in campo contro il Coronavirus, attraverso la donazione di sangue e devolvendo mille euro alla Protezione civile.

Seregnese, 07 Aprile 2020 ore 12:22

«In questo momento di difficoltà vogliamo aiutare l’Italia che ci ha accolto. Tutti insieme, uniti, ce la faremo». I musulmani dell’associazione culturale Pace di Meda scendono in campo per sostenere chi sta combattendo questa battaglia contro un nemico invisibile.

I musulmani donano fondi e sangue

E lo fanno raccogliendo l’appello dell’Avis di donare sangue, di cui c’è grande necessità, devolvendo mille euro alla Protezione civile per far fronte all’emergenza sanitaria e pregando per i malati, per i medici, gli infermieri, per tutti i Paesi colpiti dal Coronavirus.

 

“Restiamo a casa, andrà tutto bene”

«La nostra associazione è vicina all’Italia moralmente e materialmente», spiega il presidente del sodalizio Abdelkrim Karrati, che ha lasciato il Marocco vent’anni fa per trovare un futuro migliore a Meda, città dove vive, lavora e dove si è integrato perfettamente. Lancia un appello: «Mi raccomando, restiamo a casa e tutto passerà. Andrà tutto bene».

 

E anche la figlia rivolge all’Italia un messaggio di speranza.

 

SERVIZIO COMPLETO SUL GIORNALE DI SEREGNO IN EDICOLA E ONLINE DA MARTEDI’ 7 APRILE 2020

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia