Cronaca

I residenti: viale Kennedy è un incubo

Monta la protesta a Besana dopo l'ennesimo incidente

I residenti: viale Kennedy è un incubo
Cronaca Caratese, 04 Novembre 2018 ore 10:58

Monta la protesta a Besana dopo l'ennesimo incidente. "Viale Kennedy è un incubo", assicurano i residenti.

Viale Kennedy da incubo

L’ennesimo incidente, registrato nella notte tra giovedì e venerdì della scorsa settimana - senza feriti fortunatamente, ma con danni ingenti al guard rail  -, li ha buttati giù dal letto.
"Ne abbiamo le scatole piene, quando qualcuno si deciderà finalmente a risolvere i problemi di viale Kennedy?", hanno protestato i residenti di via Zonca. Le loro case si susseguono sul lato destro della carreggiata, prima del passaggio a livello di Villa Raverio, arrivando da Carate. Da oltre dieci anni si rivolgono, alternativamente, a Provincia e Comune affinchè il traffico registrato quotidianamente sulla Provinciale venga deviato, con la realizzazione della "tangenzialina" prevista nel 2007 dal Pgt ma mai uscita dalla carta.

"Ne abbiamo le scatole piene"

"I disagi a cui dobbiamo far fronte sono numerosi - hanno assicurato - Dall’inquinamento acustico, accertato anche da un controllo dell’Arpa di un decennio fa, alla pericolosità della zona: le auto sfrecciano, talvolta perdendo il controllo, come successo anche settimana scorsa. Il botto prima, l’arrivo del carro attrezzi poi, ci hanno svegliati alle 3 del mattino. Senza dimenticare i camion...".

"Qui abitano tanti bambini ma le strisce pedonali sono ormai cancellate e raggiungere a piedi le scuole è un incubo. Nelle ore di maggior traffico, inoltre, dobbiamo sempre litigare con gli automobilisti di passaggio per poter uscire dalla via".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie