I sindaci di Renate e Carate dichiarano guerra ai botti

Firmate le ordinanze mirate a tutelare persone e amici a quattro zampe

I sindaci di Renate e Carate dichiarano guerra ai botti
Caratese, 26 Dicembre 2019 ore 10:05

Petardi addio. Per il primo anno i sindaci di Renate e Carate hanno deciso di “silenziare” la notte di San Silvestro.

A Renate

Il primo cittadino Matteo Rigamonti ha firmato l’ordinanza che vieta l’esplosione di petardi, botti, fuochi d’artificio e articoli pirotecnici su tutto il territorio comunale. Lo “stop” riguarda il periodo che corre dal 30 dicembre fino al 2 gennaio, a cavallo del Capodanno quindi.
Diversi i motivi alla base del documento. Primo, se pur ammessi alla vendita, i botti possono “determinare pregiudizio della tutela della tranquillità e del riposo dei residenti”. Secondo, “l’accensione e lo sparo di fuochi artificiali – recita l’ordinanza – sono anche causa di gravi stress, nonché ferimenti e decessi di animali domestici di affezione e selvatici”.

A Carate

Per la prima volta nella storia della città Carate si congederà dal 2018 e saluterà l’inizio del nuovo anno senza botti e petardi. Come il collega di Renate, anche il sindaco Luca Veggian ha firmato l’ordinanza che vieta l’uso di fuochi d’artificio e articoli pirotecnici di libera vendita su suolo pubblico o in aree e spazi aperti al pubblico. L’ordinanza è scattata dalla mezzanotte della Vigilia di Natale e resterà in vigore fino al 7 gennaio 2020. Si rischiano sanzioni da 25 a 500 euro, salvo l’applicazione di ulteriori provvedimenti sia di carattere amministrativo che penale previsti da altre norme di legge.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia