Il Comune di Limbiate deve pagare più di 500mila euro alla Mascheroni Strade

Il Tribunale civile di Milano ha giudicato inammissibile l’opposizione tardiva dell'ente locale al decreto ingiuntivo ora la società potrebbe chiedere i danni perché nel frattempo è fallita.

Il Comune di Limbiate deve pagare più di 500mila euro alla Mascheroni Strade
Desiano, 17 Marzo 2018 ore 12:02

Il Comune di Limbiate deve pagare più di 500mila euro alla Mascheroni Strade. Il Tribunale civile di Milano ha giudicato inammissibile l’opposizione tardiva dell’ente locale al decreto ingiuntivo.

Annosa questione

Si chiude così un’annosa vicenda divenuta nota nel 2014 con il primo decreto ingiuntivo arrivato in Municipio sotto l’Amministrazione guidata da Raffaele De Luca e arrivata in questi giorni all’oneroso epilogo. Con sentenza del 7 marzo, il Tribunale Civile di Milano ha confermato il decreto del 6 maggio 2014 emesso in seguito al ricorso della società di Senago (fallita a dicembre) che pretendeva il pagamento di lavori stradali effettuati dal 2004 al 2008, anni in cui era sindaco Antonio Romeo

I dubbi del Comitato

Vuole andare in fondo alla questione il Comitato Più Limbiate meno cemento, che chiede al Comune di «identificare i responsabili della cattiva gestione contro cui fare azione di rivalsa». Gli attivisti del gruppo hanno depositato una richiesta di accesso agli atti: «Resta comunque il dubbio: tali lavori sono stati effettivamente eseguiti? Non abbiamo mai avuto la possibilità di ascoltare una relazione precisa né dall’Amministrazione De Luca né da parte di quella di Romeo»

Il commento del sindaco

Secco il commento del sindaco Romeo: «Abbiamo già accantonato la cifra che dobbiamo pagare ed è prevista in Bilancio. Rimaniamo, tuttavia, in attesa della decisione della Corte dei Conti, che sta effettuando indagini per verificare eventuali responsabilità rispetto all’opposizione tardiva. Tengo a specificare che dovremo pagare la somma per non aver fatto ricorso all’atto ingiuntivo e non perché sono state realizzate le opere. Ci sono corresponsabilità e rimaniamo in attesa che queste possano emergere»

La società potrebbe chiedere i danni

La vicenda potrebbe non finire qui. “Se la Mascheroni Strade avesse potuto disporre di quella somma magari non sarebbe incappata nel fallimento e questo dà rabbia. Non è perciò da escludere che il mio assistito possa chiedere al Comune il risarcimento dei danni” avverte l’avvocato Ares Aymo Maringolo

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia