Emergenza coronavirus

Il Comune di Desio sospende la raccolta alimentare fino alla fine di agosto

I ringraziamenti dell'Amministrazione per le iniziative di volontariato andate in scena durante la Fase 2.

Il Comune di Desio sospende la raccolta alimentare fino alla fine di agosto
Desiano, 12 Agosto 2020 ore 08:31

Il Comune di Desio sospende la raccolta alimentare fino alla fine di agosto. I ringraziamenti dell’Amministrazione comunale ai volontari per le tante inziative mandate in scena nel corso della Fase 2 dell’emergenza coronavirus.

La “Spesa solidale”

Sabato 18 luglio i volontari della Protezione Civile, prima della pausa estiva, hanno fatto l’ultimo giro di raccolta nell’ambito dell’iniziativa “Spesa solidale” presso gli esercizi commerciali di Desio che hanno aderito all’iniziativa. Fino a fine agosto la raccolta si fermerà e le famiglie che sono in carico alle Associazioni di volontariato e al Servizio Sociale saranno sostenute con altri supporti (carte prepagate, ticket, ecc.), che potranno continuare a spendere per le loro esigenze. Alcuni volontari hanno ripreso il lavoro con l’avvio della cosiddetta Fase 2 dell’emergenza COVID-19 e fortunatamente molte famiglie sono uscite dall’emergenza e sono ora autonome.

“Qualora  la crisi si facesse sentire ancora dopo l’estate, siamo pronti ad affrontare un periodo che dovesse andare oltre l’attuale emergenza – spiega l’Amministrazione comunale di Desio – Le associazioni che lavorano con le famiglie più fragili e il Servizio Sociale comunale sono consapevoli che vi saranno famiglie che avranno bisogno per lungo tempo di assistenza, solidarietà e supporto nella ricerca attiva di lavoro. È stato proprio alla solidarietà e al senso di comunità di tutti i cittadini di Desio che abbiamo fatto appello: durante i mesi di lockdown ci siamo sentiti tutti chiamati a dare una mano”.

I numeri

Attraverso il conto corrente dedicato alla raccolta fondi per la solidarietà alimentare sono stati raccolti finora 6.250,00 euro. Il Comune ha ricevuto inoltre la somma complessiva di 35.000 euro da imprese per far fronte a varie esigenze delle famiglie colpite dalla crisi causata dal Covid-19, oltre a 222.00 euro dal Ministero, per i buoni spesa.

“Grazie alla collaborazione tra Servizi sociali, commercianti di quartiere, grande distribuzione, associazioni di volontariato e singoli volontari civici, sono state assistite in totale nell’arco dei quattro mesi di attività circa 70 famiglie,  con una media di 40 consegne a cadenza quindicinale, per un valore economico di circa 2000 euro ogni 15 giorni, quindi circa 4000 euro al mese per quattro mesi di attività – conclude il Comune – Grazie a tutti coloro che hanno partecipato all’iniziativa della Spesa Solidale: è stato un grande aiuto per assistere le famiglie in un momento di emergenza mai verificatosi prima d’ora”.

TORNA ALLA HOMEPAGE

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia