Cronaca
Sentenza

Il Comune di Renate perde al Tar: annullata la Ztl

Per i giudici amministrativi è mancata la valutazione preliminare delle conseguenze del divieto imposto ai camion

Il Comune di Renate perde al Tar: annullata la Ztl
Cronaca Caratese, 09 Aprile 2021 ore 08:27

Il Comune di Renate ha perso al Tar: annullata l'ordinanza che il 4 maggio del 2020 aveva istituito la zona a traffico limitato nel cuore del paese.

Le ricorrenti hanno ragione

Violazione della legge ed eccesso di potere per difetto di istruttoria e di motivazione. Queste le ragioni per le quali il Tribunale amministrativo regionale per la Lombardia ha annullato l’ordinanza del 4 maggio con la quale il sindaco Matteo Rigamonti ha vietato l’accesso ai camion superiori alle 3,5 tonnellate nelle vie Cavour, Matteotti e Roma, e con questa la precedente delibera di indirizzo passata in Giunta.
Il Tar ha dato quindi ragione alle due aziende besanesi - Ocv Italia srl e Siroplastin srl - che a luglio avevano presentato ricorso, supportate anche dai Comuni di Besana in Brianza e Veduggio con Colzano, condannando inoltre il Comune di Renate a rifondere le spese della lite alle ricorrenti, liquidate in 4 mila euro. Compensato, «avuto riguardo alla natura dei soggetti coinvolti», quanto sborsato dalle Amministrazioni: sostanzialmente, ognuna pagherà di tasca propria la parcella dell’avvocato.
L’udienza di merito si è tenuta il 9 marzo scorso ma la sentenza è arrivata solo mercoledì 7 aprile 2021.

Manca la valutazione preliminare

Secondo quanto scritto nella sentenza, in violazione dell’articolo 7 del Nuovo codice della strada, il primo cittadino ha firmato l’ordinanza senza approfondire «gli effetti del traffico sulla sicurezza della circolazione, sulla salute, sull’ordine pubblico, sul patrimonio ambientale e culturale e sul territorio». Insomma, in mancanza di una valutazione preliminare delle conseguenze legate all’istituzione della Ztl sulla viabilità esterna.

Sul Giornale di Carate in edicola da martedì 13 aprile il servizio completo con tutti i commenti

Necrologie