Menu
Cerca
Desio

Il Covid ferma per il secondo anno consecutivo il Palio degli Zoccoli

I maestri di contrada ci hanno sperato fino all'ultimo, slitta a data da destinarsi la 32esima edizione.

Il Covid ferma per il secondo anno consecutivo il Palio degli Zoccoli
Cronaca Desiano, 14 Aprile 2021 ore 08:08

Il Covid ferma per il secondo anno consecutivo il Palio degli Zoccoli. Nemmeno quest’anno a Desio si disputerà  la tradizionale corsa in cui si sfideranno le undici contrade, né la sfilata in abiti storici, con la rievocazione storica della battaglia di Desio del gennaio 1277. Il comunicato ufficiale del comitato organizzatore recita: “A seguito del perdurare dell’emergenza sanitaria in corso, comunichiamo la proroga della sospensione dei lavori di preparazione della trentaduesima edizione della manifestazione, rinviandone lo svolgimento a data da destinarsi”.

Niente Palio degli Zoccoli, l’ultima vittoria alla Dugana

L’ultima edizione che è stata disputata è stata la 30esima e ha visto la vittoria della contrada Dügana, di conseguenza il Gran Maestro in carica è ancora Davide Brenna: “Torneremo più forti di prima, questa è una promessa”, assicura. Anche Antonia Lumini, voce del comitato organizzatore, è rassegnata: “Purtroppo anche quest’anno dobbiamo arrenderci alla pandemia”. Nino Puorto, maestro della contrada San Giorgio, aggiunge: “Per muovere più di 700 persone ci vuole tempo e purtroppo quest’anno non ne abbiamo. Quando si potrà, però, ripartiremo alla grande”.

“Ci manca metterci in gioco”

La maestra della contrada Foppa, Marta Bonalumi, evidenzia: “Ci manca metterci in gioco, ricercare i corridori, preparare i vestiti, ritrovarsi con il comitato e gli altri maestri”. I maestri di contrada San Pietro e Paolo, Davide Canzian e Tino Perego, confessano di averci sperato fino all’ultimo: “Magari una sfilata ridotta o solo la corsa, a settembre  o ottobre”.  Perego aggiunge: “Spero che tutti capiscano che il Palio non finirà. L’auspicio è che tutte le contrade organizzino qualcosa per essere presenti, anche in modo virtuale. Vorremmo organizzare qualcosa di simbolico in piazza a giugno”. L’articolo completo sul Giornale di Desio in edicola

Necrologie