Un SorRiso per Julius e gli altri 6mila malati di Sla – VIDEO

Il ricavato sarà devoluto per metà al Centro Clinico NeMO di Milano e per il restante 50% al progetto SLAncio di Monza.

Un SorRiso per Julius e gli altri 6mila malati di Sla – VIDEO
Cronaca 07 Ottobre 2017 ore 15:00

Contro la Sla un tris di risotti in Arengario

sla

Molto più di una buona causa. E’ una vera missione quella che oggi ha portato in Arengario 80 volontari che, in una maratona di quasi 12 ore, puntano a servire 3mila risotti e sensibilizzare il maggior numero di persone possibile sulla Sla. Una missione per julius e per gli altri 6000 malati che attendono speranzosi dei passi avanti nella ricerca per questa malattia degenerativa. Nel video, il commento di Federico Arena, assessore alla sicurezza.

L’organizzazione affidata a “Ti do una mano”

sla

L’iniziativa di domani è organizzata dalla Onlus locale “Ti do una mano” guidata da Lele Duse che non nasconte l’emozione e l’entusiasmo: 

“Siamo un gruppo di vecchi scout, attivi nello scoutismo monzese degli anni ’70 e amici da più di 45 anni.  Fra noi c’è Julius Neumann, malato di SLA dal 2007. Quando Julius e la sua famiglia sono tornati a Monza nel 2013 dopo tanti anni all’estero, abbiamo deciso di impegnarci per aiutare il nostro amico e i tanti malati che, come lui, soffrono di questa infame malattia“.

La risottata collettiva, organizzata anche nel 2016 aveva ottenuto ottimi risultati: 2300 risotti sfornati. Quest’anno si punta a servirne 3mila. 5 euro a piatto compreso di acqua o vino e con una scelta su tre possibili combinazioni: risotto pasta di salame, risotto valtellinese, risotto zucca e amaretti.

2 foto Sfoglia la gallery

Il ricavato sarà devoluto per metà al Centro Clinico NeMO di Milano e per il restante 50% al progetto SLAncio di Monza. Obiettivo: sostenere la ricerca per arrivare a sconfiggere una malattia che colpisce seimila persone in Italia.

2 foto Sfoglia la gallery

Ingredienti gratis

sla

Sono mesi che proviamo le ricette e organizziamo l’evento – spiega Duse. A poche ore dal via posso dire che quest’anno puntiamo davvero in alto. Quello che ci ha veramente sorpreso è stata la sensibilità dei tanti fornitori che ci hanno aiutato in questa avventura: quasi tutti gli ingredienti per cucinare e le bibite che serviremo sono state donate gratuitamente. Così come gli impianti a noleggio che utilizzeremo e le pentole per cucinare. Noi tutti, Julius per primo, siamo entusiasti di questa grande collaborazione e partecipazione”.

La vera mente è Julius

sla
Julius e il comunicatore che gli permette di esprimersi

Julius sarà con noi per buona parte della giornata, così come è stato con noi nell’organizzazione di questo evento: sua l’idea, sua la locandina, suo lo studio della comunicazione. Suo e di tutti gli altri 6mila malati sarà il contributo che, grazie alla giornata, riusciremo a donare alla ricerca medica e scientifica“.

La testimonianza dei volontari


Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità