Il dramma ai giardinetti

Il suo cuoricino ha smesso di battere a soli due anni: addio al piccolo Ayaan

Un'intera comunità in lutto: "Era un bambino buono e coraggioso"

Il suo cuoricino ha smesso di battere a soli due anni: addio al piccolo Ayaan
Cronaca Monza, 22 Giugno 2021 ore 17:27

Il suo cuoricino ha smesso di battere a soli due anni: addio al piccolo Ayaan. La tragedia nella serata di domenica, il 20 giugno 2021, a Monza.

Il suo cuoricino ha smesso di battere

Insieme alla mamma e al papà stava giocando ai giardinetti di via Riva, a Cederna, a due passi da casa, quando è stato colto da un malore improvviso. Immediatamente soccorso, è stato portato d’urgenza al San Gerardo. Una corsa a sirene spiegate che, purtroppo, si è rivelata vana. Il suo cuoricino ha smesso di battere alle 21.30 di domenica, pochi istanti dopo essere giunto presso il nosocomio cittadino.

Il piccolo Ayaan è morto così, a soli due anni e tre mesi, sotto gli occhi disperati e impotenti dei genitori. Un lutto terribile che ha colpito una famiglia che abita a Cederna da anni (il padre lavora come operaio per una ditta del territorio) e intorno alla quale si è stretta l’intera comunità bengalese, alla quale appartiene.

Comunità in lutto

Il bimbo, che lascia anche una sorellina più piccola, soffriva di una malattia al cuore ed era stato più volte operato. Ha sempre affrontato i ricoveri e gli interventi con grande coraggio, come un vero ometto, tanto che negli ultimi tempi sembrava stesse meglio.

Domenica sera dopo cena i suoi genitori lo hanno portato in quei giardinetti che tanto amava e che si trovano proprio di fronte a casa.  Quello che doveva essere un momento di svago da trascorrere tutti insieme, è però diventato una tragedia.

"Era un bambino buono e coraggioso"

Il personale medico ha fatto di tutto per salvargli la vita. Purtroppo, però, non ce l'ha fatta. La famiglia, chiusa nel suo dolore, è sostenuta dall’intera comunità bengalese brianzola guidata da Hossain Zakir, presidente dell’associazione culturale del Bangladesh Baytun Noor, anche lui estremamente provato dalla terribile perdita. "Era un bambino così buono e coraggioso - ha commentato ancora incredulo - Mia moglie e io siamo molto amici della famiglia Rahman e stiamo facendo il possibile per aiutarli".

Necrologie