parla l'esperto

Il virologo Pregliasco: “Agosto al mare? Speriamo, poi in autunno ricordiamoci di fare il vaccino”

“Si potrebbe verificare una seconda ondata, le pandemie hanno sempre riservato qualche sorpresa".

Il virologo Pregliasco: “Agosto al mare? Speriamo, poi in autunno ricordiamoci di fare il vaccino”
05 Aprile 2020 ore 10:01

Parla l’esperto virologo Pregliasco: “Agosto al mare? Speriamo, poi in autunno ricordiamoci di fare il vaccino”.

Un messaggio di cauto ottimismo dal virologo Pregliasco

“Si sta parlando di riapertura delle attività, ma bisogna tenere duro ancora per qualche giorno, e poi agire in modo mirato e con gradualità. Gli ultimi dati diffusi in questi giorni dalla Protezione Civile sono buoni ma le misure devono restare stringenti fino a dopo Pasqua”. E’ un messaggio di cauto ottimismo quello lanciato in queste ore dal virologo rhodense Fabrizio Pregliasco presidente di Rho Soccorso e direttore sanitario dell’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano. A riportarle sono i nostri colleghi di PrimaMilanoOvest.it

Importante non abbassare la guardia

“Ribadisco che è davvero importante non abbassare la guardia. Agire con gradualità vuol dire continuare a proteggere anziani e fragili, ritardare l’ingresso a scuola dei piccoli, che possono essere veicolo del virus e inoltre terrei ancora chiusi bar, locali e discoteche”.

Ripresa con le dovute precauzioni

“In effetti sarà così. Non sai mai chi hai davanti, se è una persona che sta covando l’infezione. In casa insieme ai cerotti dovremmo avere a portata di mano anche le mascherine, ha senso indossarle nella vita di tutti i giorni, come precauzione, in aggiunta alle altre misure”.

Si potrebbe verificare una seconda ondata in autunno

“Si potrebbe verificare una seconda ondata, le pandemie hanno sempre riservato qualche sorpresa. Sarà bene che tutti aderiscano alla campagna antinfluenzale e alla profilassi della polmonite da pneumococco. Le vaccinazioni saranno fondamentali in previsione di un eventuale ritorno del Sars-Cov2. Sono convinto che avremo a che fare con il coronavirus per un anno, o due”.

Gli sbalzi termici evitano l’infezione speriamo di andare al mare

“Speriamo. Con il caldo si evitano gli sbalzi termici che facilitano l’infezione. I virus sono meno facilitati dalle temperature più elevate”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia