Seveso

In piena emergenza il grande lavoro di Polizia locale e Protezione civile

Oltre 1800 persone controllate dagli agenti mentre i volontari hanno lavorato per 2mila ore.

In piena emergenza il grande lavoro di Polizia locale e Protezione civile
Seregnese, 14 Luglio 2020 ore 09:11
Seveso: in piena emergenza il grande lavoro di Polizia locale e Protezione civile. Oltre 1800 persone controllate dagli agenti mentre i volontari hanno lavorato per oltre 2mila ore.

In piena emergenza il grande lavoro di Polizia locale e Protezione civile

L’epidemia di “coronavirus” e il conseguente stato di emergenza che ha interessato tutto il Paese ha costretto a un “surplus” di lavoro la Polizia Locale e il Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile, che assieme ai Carabinieri e alla Guardia di Finanza di stanza a Seveso hanno fatto in modo che venissero rispettate le regole durante il “lockdown”, ma anche che venisse prestato il necessario aiuto alla popolazione, impossibilitata a uscire di casa se non per motivi di estrema necessità.

Controlli e sanzioni

La Polizia Locale è stata particolarmente impegnata dal 13 marzo al 17 maggio. Durante questo periodo ha effettuato 51 servizi serali di pattugliamento e 13 servizi festivi di pattugliamento, per un totale di 750 ore di straordinario, controllando 1.803 persone per la verifica del rispetto delle disposizioni contenenti le limitazioni alle possibilità di spostamento delle persone fisiche all’interno di tutto il territorio nazionale. Tutte hanno prodotto un’autocertificazione, ma per 61 di queste lo spostamento non era determinato da motivi rientranti nelle possibilità descritte dai Decreti e pertanto sono state sanzionate (6 di queste sono inoltre state denunciate in base all’art. 650 del Codice Penale). È stato verificato il rispetto dei Decreti anche da parte degli esercizi commerciali tramite 310 controlli e 1 pubblico esercizio è stato sanzionato con conseguente chiusura dell’attività per 5 giorni. È stato inoltre effettuato il pattugliamento del territorio per il controllo in particolare di parchi, giardini, mercati e della piattaforma ecologica. Nel periodo preso in esame sono stati percorsi 8.250 chilometri con tutti i mezzi a disposizione della Polizia Locale.

Il lavoro della Protezione Civile durante l’emergenza

Riguardo alla Protezione Civile sevesina, durante i 90 giorni più pesanti dell’emergenza sono stati impegnati tutti i 22 volontari del gruppo. Il totale delle ore da loro dedicate è stato di oltre 2mila così suddivise: centralino AREU 206, produzione mascherine 79, consegna spese/farmaci 254, consegna “buoni spesa” 460, presidio mercati 121, distribuzione 17.700 mascherine lavabili 592, altri servizi (consegna pacchi Caritas, ritiro mascherine chirurgiche, distribuzione tablet, distribuzione mascherine medici ed esercizi commerciali, consegna visiere a Croce Bianca Seveso e agli ospedali di Desio, Bergamo e Como) 388. I mezzi della Protezione Civile locale hanno percorso circa 4.500 chilometri. I volontari si sono impegnati anche da casa, ad esempio nella gestione documenti, nella pianificazione percorsi di distribuzione e nella pianificazione turni. Queste ore non sono state inserite nel conteggio totale, così come quelle dedicate alle riunioni presso il Centro Operativo Comunale, attivato il 12 marzo dal sindaco Luca Allievi. Al fianco dei volontari della Protezione Civile locale si sono mosse altre associazioni meritorie, come l’Associazione Nazionale Carabinieri di Meda e l’Associazione Nazionale Alpini di Seveso, particolarmente attive sia nella consegna porta a porta che nella distribuzione in piazza delle mascherine.

“Orgogliosi del lavoro delle Forze dell’ordine e dei volontari”

“La Polizia Locale e la Protezione Civile, assieme ai militari e a diverse associazioni d’arma, si sono subito rese disponibili per fronteggiare al meglio l’emergenza epidemiologica – dichiara il vicesindaco e assessore alla Sicurezza, David Galli – Hanno tutti dato un grande contributo, mostrando senso del dovere e spirito di abnegazione, supportando l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Allievi nella gestione del momento più difficile per la nostra comunità successivo al drammatico 1976 dell’incidente chimico dell’Icmesa. Siamo tutti non solo soddisfatti, ma orgogliosi del lavoro svolto dalle Forze dell’Ordine e dai volontari. Speriamo che non ci sia più bisogno di un impegno così massiccio da parte loro”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia