In via Bergamo apre i battenti un laboratorio che sembra…incantato

Due giorni di apertura per l'inaugurazione della nuova sede della "Palestra delle mani", un luogo dove la parola d'ordine è creatività

In via Bergamo apre i battenti un laboratorio che sembra…incantato
Cronaca 22 Ottobre 2017 ore 08:15

Si entra dal portico che si affaccia su via Bergamo al n.28 ma bisogna oltrepassare il primo cortile prima di accorgersi che là, dove prima c’era un vecchio magazzino, ora sorge “La palestra delle mani” un laboratorio artistico dove gli oggetti rinascono a nuova vita.

Nata dall’idea di un gruppo di amiche 5 anni fa, l’associazione, ha organizzato due giorni di apertura per inaugurare la nuova sede che prima si trovava in via Della Signora. Nella giornata di ieri e oggi dalle 16.00 alle 19.00 sarà possibile entrare a visitare i nuovi spazi e non sarà difficile sentirsi, per un attimo, in un luogo dall’atmosfera magica. Vecchi mobili rimessi a nuovo, le molle di materassi antichi trasformate in porta oggetti, collane con materiale di riciclo e molto altro ancora. “Ci siamo unite per condividere le nostre passioni – ha spiegato Grazia Longoni dell’associazione – ognuno ha messo in campo le proprie abilità, ci piace ridare nuova vita ad oggetti che, altrimenti, andrebbero buttati”.

Il laboratorio sarà aperto a tutti il martedì mattina dalle 9.00 alle 12.00 e il giovedì pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00, “anche solo per bere un caffè in compagnia” come ha spiegato il gruppo di amiche. Taglio, cucito e nuove creazioni all’insegna del riciclo creativo ma anche serate a tema. “Organizziamo incontri specifici aperti a chiunque sia interessato – ha proseguito Grazia – invitiamo nostri amici esperti per approfondire alcuni argomenti e impararne di nuovi”.

Prossimi appuntamenti venerdì 3 novembre alle ore 17.00 per “Suggerimenti di bellezza” e sabato 18 novembre dalle 16.00 alle 19.00 per “Presentazioni tutorial (natalizi e non).

5 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità