Inaugurato Medica Etica, il poliambulatorio di Cancro Primo Aiuto.

E’ stato aperto presso il centro dell’associazione a Seregno.

Inaugurato Medica Etica, il poliambulatorio di Cancro Primo Aiuto.
Vimercatese, 25 Settembre 2019 ore 12:06

Inaugurato Medica Etica, il poliambulatorio di Cancro Primo Aiuto. E’ stato aperto presso il centro dell’associazione a Seregno.

Inaugurato Medica Etica

“Hanno ufficialmente preso il via le attività di Medica Etica a Seregno, il poliambulatorio che fa capo a Cancro Primo Aiuto. L’inaugurazione è avvenuta alla presenza dei vertici dell’associazione, l’amministratore delegato Flavio Ferrari e il vicepresidente Nicola Caloni, il sindaco di Seregno, Alberto Rossi, il direttore generale dell’Ats Brianza, Silvano Casazza e il delegato alla Formazione della Provincia di Monza e Brianza, Claudio Rebosio.

Cos’è Medica Etica

“Medica Etica” è un poliambulatorio voluto dall’associazione Cancro Primo Aiuto per ampliare i suoi servizi a favore dei malati oncologici e non solo. In particolare, vuole offrire un supporto, un secondo parere, un referente, che accolga e recepisca la persona nella sua totalità, riesca a comprenderla e con questa comprensione, possa indicare la strada più giusta, attraverso gli specialisti e le tecniche più consone per affrontare il problema.

Diverse le attività già implementate e altre che si stanno avviando. Il primo ad essere operativo è stato il servizio di terapia del dolore affidato al dottor Fabio Rubino, un’attività che non è limitata ai malati oncologici ma che si rivolge anche ad altre forme di sofferenza.

Già attivi sono anche il servizio di sostegno psicologico, supportato dalle psicologhe che già collaborano con Cancro Primo Aiuto, e il servizio del “secondo parere”: i pazienti, cartelle cliniche alla mano, possono presentarsi allo sportello di Seregno per sottoporre la loro situazione e richiedere uno specifico parere ai medici dell’associazione brianzola.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia