Inciampa in una buca, ma è lui a venire condannato: “Non posso nemmeno ricorrere in Appello”

Il 67enne monzese si era ferito, spaccandosi naso e denti

Inciampa in una buca, ma è lui a venire condannato: “Non posso nemmeno ricorrere in Appello”
Monza, 15 Novembre 2018 ore 13:18

Inciampa in una buca, ma è lui a venire condannato: “Non posso nemmeno ricorrere in Appello”

Per colpa di una buca sul marciapiede, Maurizio Soldani – 67enne residente in via Canesi, a Monza – si era spaccato naso e denti. A tre anni di distanza dal fatto – come se le ferite non fossero state sufficienti – il monzese è incorso nella più classica delle beffe.

Fare causa al Comune per ottenere un risarcimento ma, alla fine, essere condannato a pagare le spese legali sostenute dalla controparte visto che, come messo nero su bianco nelle motivazioni della sentenza, avrebbe dovuto sapere dell’esistenza dell’insidia (la buca appunto). E non si parla di spiccioli, visto che dovrà tirare fuori, di tasca sua, la bellezza di 5mila 900 euro.

Una cifra che si aggiunge a quanto speso negli anni tra dentisti e visite varie. Una vera e propria stangata, per i coniugi, tanto che, loro malgrado, hanno dovuto rinunciare all’idea di andare avanti con la causa. Troppo elevato il rischio che il secondo grado confermi quanto già stabilito in tribunale a Monza.

«Ricorrere in appello non sarebbe per me sostenibile in termini di costi – ha spiegato amareggiato Soldani – Senza contare che c’è il rischio concreto che le mie istanze vengano respinte, magari dopo anni di udienze, e con spese legali ingenti, senza che il Comune venga sanzionato». E prosegue. «Oltre alla rabbia e alla frustrazione di non aver ottenuto soddisfazione, alle ingenti spese sostenute e che dovrei sostenere in caso di ricorso con anni di attesa, si aggiunge ora la sensazione di impotenza».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia