K-Flex, nessuna decisione del giudice

L'attacco dei sindacati che tutelano i lavoratori di Roncello

11 Maggio 2017 ore 22:00

K-Forza, la mediazione delle parti

Il giudice rimanda

Oggi durante l’udienza presso il tribunale di Monza il Giudice ha proposto alle parti di trovare un accordo ed evitare il pronunciamento della sentenza.

Cosa c’è sul tavolo

La proposta è stata quella di aumentare il budget economico proposto in precedenza dall’azienda.

Il punto fatto dai sindacati

K-Flex Moretti

K-Flex Moretti KFLEX oggi durante l’udienza presso il tribunale di Monza il Giudice ha proposto alle parti di trovare un accordo ed evitare il pronunciamento della sentenza.
La proposta è stata quella di aumentare il budget economico proposto in precedenza dall’azienda.

In questi 108 giorni di sciopero abbiamo misurato:

*l’assenza totale di volonta’ da parte della KFLEX di impegnarsi su piano industriale e ammortizzatori sociali
* l’incapacità della politica e delle istituzioni di produrre interventi efficaci e indirizzare l’azienda, destinataria di 30 milioni di euro pubblici, al mantenimento dell’occupazione.
Ci siamo rivolti al Giudice per avere giustizia, consapevoli che non potrà essere il tribunale a far ripartire l’interruttore della fabbrica, per non lasciare nulla di intentato. Con senso di responsabilità portiamo ai lavoratori e alle lavoratrici in assemblea la proposta di mediazione e saranno loro a decidere democraticamente se accettare o rifiutare.

Il presidio resta

Continua il presidio fino a Lunedi 15 Maggio pomeriggio, termine entro il quale dovremo dare un riscontro al giudice per decidere in base al mandato dei lavoratori. Gridiamo al Governo e alla politica la nostra richiesta di costruire strumenti normativi per impedire il riproporsi di delocalizzazioni ingiustificate e incentivate da danaro​ pubblico.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia