Menu
Cerca
Cesano Maderno

La Polizia provinciale sequestra un deposito abusivo

Denunciato un pregiudicato di Desio che gestiva un'attività di commercio di parti di auto nuove e usate senza le necessarie autorizzazioni.

La Polizia provinciale sequestra un deposito abusivo
Cronaca Seregnese, 30 Aprile 2021 ore 20:44

La Polizia provinciale sequestra un deposto abusivo. Denunciato un pregiudicato di Desio che gestiva un’attività di commercio di parti di auto nuove e usate senza le necessarie autorizzazioni.

La Polizia provinciale sequestra un deposito abusivo

A Cesano Maderno, in prossimità di via Turati, è stata posta sotto sequestro un’area adibita all’attività abusiva di raccolta e smaltimento rifiuti, commercio di rottami ferrosi e parti di automobili.

L’operazione è stata condotta dagli agenti di Polizia provinciale con il supporto dei Carabinieri della Tenenza di Cesano Maderno ed il Nucleo Edilizia -Ambiente della Procura di Monza ed è conseguita alle indagini avviate dopo un incendio sospetto, nell’area scaturito da un fuoco acceso all’interno di un contenitore in ferro, verosimilmente utilizzato proprio per smaltire imballaggi attraverso la combustione.

Il rogo, partito accidentalmente,  aveva poi interessato gran parte dell’appezzamento di terreno e dei materiali depositati.

L’area, infatti, veniva utilizzata come deposito di rifiuti derivanti anche da lavori edili sempre svolti senza autorizzazione da parte di un pregiudicato residente a Desio con precedenti per ricettazione: l’uomo aveva affittato un terreno ad uso seminativo/agricolo per gestire un’ attività non autorizzata per il commercio di parti di auto nuove ed usate. Sul posto sono stati trovati svariati quintali di lana di roccia, centinaia di paraurti, parti meccaniche, inerti da demolizione oltre a costruzioni abusive e molti altri rifiuti e pezzi di ricambio .

Denunciato un pregiudicato di Desio

Il pregiudicato è stato denunciato per violazione di norme penali previste dal Testo unico ambientale e dal Testo Unico sull’Edilizia per deposito incontrollato di rifiuti, smaltimento illecito e gestione non autorizzata, per cambio di destinazione d’uso del terreno e costruzione abusiva nonché per l’omissione di cautele nell’accensione di fuochi pericolosi.

Il terreno è ora sotto sequestro e verrà riconsegnato in custodia al legittimo proprietario che dovrà curarne la rimessa in pristino ove non provveda la persona denunciata.

Necrologie