La preside dice no al presepe all’ingresso delle scuole

Rossana Colombo: "Per rispetto delle minoranze è meglio non collocarlo negli spazi comuni".

La preside dice no al presepe all’ingresso delle scuole
Seregnese, 19 Dicembre 2017 ore 09:00

La preside dell’Istituto comprensivo “Toti” di Lentate sul Seveso dice no ai presepi all’ingresso delle scuole: “Per rispetto delle minoranze è meglio non collocarli negli spazi comuni”.

Respinta la richiesta dell’assessore Patrizia Del Pero

Rossana Colombo ha così respinto la richiesta dell’assessore alla Cultura Patrizia Del Pero di poter esporre dei piccoli presepi all’entrata dei plessi scolastici. “Sinceramente non mi aspettavo una risposta del genere, dato che si tratta di un’iniziativa che avevo già proposto durante la Giunta Sasso e all’epoca l’allora dirigente scolastica non aveva fatto problemi – commenta l’assessore -Come Amministrazione comunale volevamo donare alle scuole questi piccoli presepi, perché pensiamo che sia bello, durante le festività natalizie, valorizzare la tradizione e la cultura cristiane. Evidentemente, invece, il nostro “regalo” è poco gradito”.

“Sì al presepe nelle classi, non negli spazi comuni”

La dirigente scolastica, dal canto suo, tiene a precisare la propria posizione, facendosi portavoce di quanto ribadito dal Consiglio di Istituto: “Non abbiamo detto no al presepe in modo categorico, semplicemente riteniamo che sia meglio non esporlo all’ingresso dei plessi. L’impostazione della scuola di Stato, infatti, deve essere laica, pertanto il presepe può essere allestito nelle singole classi, se tutti i docenti e tutte le famiglie degli alunni sono d’accordo, ma non è opportuno che venga esposto negli spazi comuni”.

“Una scelta rispettosa delle minoranze”

Una scelta che nasce da una constatazione: “Nel nostro istituto comprensivo, con situazioni diverse da plesso a plesso e anche da classe a classe, la percentuale di bambini stranieri è pari al 14 per cento e nell’ottica del rispetto di tutti credo che questa sia la soluzione migliore. E’ vero che per rispettare le minoranze non bisogna fare un torto alla maggioranza, ma è possibile trovare delle soluzioni che garantiscano una convivenza pacifica”.

ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE DI SEREGNO IN EDICOLA E ONLINE DA OGGI, MARTEDI’ 19 DICEMBRE 2017

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia