Didattica a distanza

La protesta contro la dad si è spostata sotto l’Arengario

Studentesse e studenti, pur in numero ridotto rispetto ai sit-in precedenti, non si sono fatti fermare neanche dalla pioggia.

La protesta contro la dad si è spostata sotto l’Arengario
Cronaca Monza, 10 Dicembre 2020 ore 08:38

La protesta contro la dad si è spostata sotto l’Arengario. Studentesse e studenti, pur in numero ridotto rispetto ai sit-in precedenti, non si sono fatti fermare neanche dalla pioggia.

La protesta contro la dad si è spostata sotto l’Arengario

Da qualche settimana un gruppo di studenti delle superiori (scuola secondaria di secondo grado) il lunedì si ritrovava in piazza Trento e Trieste a Monza per seguire da lì le lezioni a distanza. Anche in giornate di freddo e vento.

Lunedì però a causa del ponte dell’Immacolata le lezioni non c’erano quindi il pacifico sit-in di protesta si è tenuto ieri, mercoledì. Non in piazza Trento, occupato dal presidio dei sindacato a sostegno dello sciopero dei dipendenti pubblici, ma in piazza Roma, sotto l’Arengario, al riparo dalla pioggia caduta a intermittenza.

La decisione del Governo di riaprire le scuole in presenza per il 75% degli studenti delle superiori a partire dal 7 gennaio insomma non ha fermato la forma di protesta di studenti e studentesse, anche se il drappello di coraggiosi che ha sfidato il freddo si è assottigliato.

3 foto Sfoglia la gallery

“Saremo in piazza anche lunedì prossimo – ha sottolineato Andrea Scicutella, studentessa dell’ultimo anno del Lico artistico Nanni Valentini – perché ora che il Governo ha deciso che si rientrerà in classe il 7 gennaio, scelta che noi auspicavamo e chiedevamo,  è necessario lavorare per un ritorno in classe in sicurezza”.

Sicurezza che deve essere garantita soprattutto sui mezzi di trasporto. Si sono iniziate le scuole infatti con i trasporti che potevano avere una capienza dell’80% (di fatto i bus erano pieni), dal 7 gennaio la capienza è invece ridotta al 50%, quindi è giocoforza che dovranno essere aumentati i bus o scaglionati gli ingressi delle scuole rispetto a quelli delle aziende, altrimenti si rischia di propagare nuovamente i contagi.

La scuola sicura non si chiude” recitava il cartello mostrato da una studentessa. L’auspicio è che, una volta riaperte, anche le superiori non debbano più richiudere per tenere le lezioni a distanza, “perché la dad – come hanno avuto modo di rimarcare in più occasioni i ragazzi – non è paragonabile alla didattica  in presenza. Con la didattica on line manca il contatto umano e il confronto. Chi pensa che la scuola consista solo nell’ascoltare si sbaglia. Intorno alle lezioni si creano discussioni e dibattiti, si impara a pensare con la propria testa nel rispetto delle idee altrui. Tutto ciò con la dad va perso”.

TORNA ALLA HOME PAGE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità