L’Alzheimer Café riapre le porte

Venerdì 22 febbraio, dalle 21, la sala Papa Giovanni XXIII di viale Segantini a Veduggio ospiterà la presentazione dell’utile iniziativa

Caratese, 19 Febbraio 2019 ore 08:30

“Il tempo dell’Alzheimer non è una condanna ma una stagione della vita”. Lo dimostra da cinque anni a questa parte l’Alzheimer Cafè: lo spazio gratuito di incontro e condivisione, dedicato alle persone fragili, affette da decadimento cognitivo, e a chi ha il delicato compito di occuparsi di loro. Ad organizzarlo anche in questo 2019 è l’associazione Madre Teresa di Calcutta Onlus di Veduggio, con il supporto della Fondazione della Comunità Monza e Brianza e il patrocinio del Comune.

L’Alzheimer Café riapre le porte

Venerdì 22 febbraio, dalle 21, la sala Papa Giovanni XXIII di viale Segantini a Veduggio ospiterà la presentazione dell’utile iniziativa che offre a malati e famigliari la possibilità di essere ascoltati e accolti. Ne seguiranno poi sedici incontri: due al mese, a partire dal 4 marzo, sempre il lunedì pomeriggio dalle 14,30 alle 16,30. Il 4 e 19 marzo, l’1 e il 15 aprile, il 13 e il 27 maggio, il 10 e il 24 giugno, il 9 e il 23 settembre, il 7 e il 21 ottobre, il 4 e il 18 novembre, il 2 e il 16 dicembre. Tutti gratutiti e seguiti da un piccolo buffet a cura dell’associazione.

Un supporto fondamentale dal 2014

L’Alzheimer Cafè è partito nel 2014 per combattere l’isolamento sociale. E’ un momento di respiro per chi ogni giorno convive con la malattia perchè offre la possibilità di spezzare la faticosa routine dell’assistenza, parlare dei propri problemi e delle strategie trovate per risolverli. Ed insieme per la persona affetta dal morbo di Alzheimer che, nello spazio protetto e gestito da una professionista, può svolgere le azioni di cui è capace così come ne è capace.
Per maggiori informazioni e contatti: madre.teresa_2014@libero.it, 334-2646871.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia