Legionella Bresso, nessuna traccia nei condomini. Terzo caso a Brescia

I primi 110 esiti sono stati negativi.

Legionella Bresso, nessuna traccia nei condomini. Terzo caso a Brescia
23 Agosto 2018 ore 09:45

Continua la ricerca del “responsabile” della legionella di Bresso, che ha causato cinque decessi e oltre cinquanta contagi.

Legionella, continua la ricerca

In merito ai casi di contagio da legionellosi verificatisi nel comune di Bresso, si continua a tenere costantemente sotto controllo la situazione, mettendo in campo analisi a tappeto atte a prevenire la diffusione del batterio. Al momento non è stata rilevata alcuna traccia del batterio nelle tubature e nei serbatoi dell’acqua centralizzata dei condomini privati, sottoposti alle prime campionature tra il 23 e il 25 luglio.

Primi esiti negativi

I primi 110 esiti dei laboratori sono negativi. Ce ne saranno altri a breve. Numerose le famiglie coinvolte. Le prossime settimane saranno determinanti per capire se l’acqua sia stata o meno una fonte di contagio. Le positività al batterio riscontrate dalle analisi sono comunque davvero poche: 6 abitazioni su 51 e 7 luoghi sensibili (tra cui la Fontana del Mappamondo) su 46. I decessi sono stati 5 e 52 i contagi
totali.

Terzo caso di Legionella nel Bresciano

Intanto, come riporta BresciaSettegiorni.it, salgono a tre i casi di legionella nella frazione di Bornato a Cazzago San Martino, nel Bresciano vicino a Rovato.

L’ultimo ad essere stato contagiato sarebbe un 45enne residente sempre fra via Alpini e via Pasini, la zona interessata dagli episodi di contagio. L’uomo ora è ricoverato all’Ospedale di Ome, dove è sottoposto a una terapia mirata contro il batterio. E intanto continua la mobilitazione per evitare che altri cittadini contraggano la legionella.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia