Malori e troppo alcol SIRENE DI NOTTE

Otto gli episodi registrati in una manciata di ore. Il più grave a Muggiò

Malori e troppo alcol SIRENE DI NOTTE
Monza, 24 Novembre 2019 ore 08:37

E’ stata una notte in cui malori e intossicazioni etiliche l’hanno fatta da padroni quella appena passata. Cinque i primi, tre le seconde registrati in una manciata di ore.

Cinque malori in una notte

Sono le 22 e 30 di ieri quando in viale Trento e Trieste a Carate un uomo di 62 anni si sente male. Viene soccorso in codice giallo dalla Croce Bianca di Besana e poi trasportato in codice verde al vicino ospedale.

Non passa nemmeno un’ora che a Muggiò è una 33enne ad accusare un malore. Sono le 23,20, in via Cattaneo. Inizialmente si teme per la sua vita, tanto che l’ambulanza della Croce Verde di Lissone è attivata in codice rosso. Arriva anche l’automedica. Le condizione della donna migliorano già sul posto e raggiunge il San Gerardo in verde.

Tra mezzanotte e le 3, altri tre episodi analoghi. In via Don Viganò a Cesano Maderno una persona di 53 anni viene trasportata all’ospedale di Desio in codice giallo dai volontari di Seregno Soccorso; verde il codice con il quale raggiunge il nosocomio di Monza un 40enne soccorso in via Borgazzi a Monza 47 minuti dopo l’una. Poco distante, in via Crispi, alle 2,30 si sente male una giovane di 21 anni, anche lei accompagnata al San Gerardo per accertamenti in codice verde.

“Stesi” dall’alcol

Anche l’alcol ha fatto la sua parte questa notte. Tre le persone che hanno alzato troppo il gomito, fino ad aver bisogno delle cure dei soccorritori di Seregno Soccorso, Croce Bianca di Biassono e Croce Verde di Lissone. Un 18enne in via Passerini a Monza, una 50enne in via Parini a Seregno e un 33 in via King a Muggiò. Sono finiti tutti all’ospedale in codice giallo e verde.

Incidente a Brugherio

Non è stato fortunatamente necessario il trasporto in ospedale per un ragazzo di 24 anni protagonista di un incidente stradale a Brugherio alle 22,30 di ieri. E’ uscito illeso dall’abitacolo e l’ambulanza della Croce Bianca di Carugate è ripartita “vuota”. Sul posto anche i carabinieri.