Emergenza Coronavirus

Mascherine in dono alla Protezione Civile, e un modello speciale per i sordomuti

Marina Zulianello e la figlia Dalia Zecchin hanno messo a disposizione della comunità la loro abilità sartoriale.

Mascherine in dono alla Protezione Civile, e un modello speciale per i sordomuti
Desiano, 14 Aprile 2020 ore 22:17

Mascherine in dono alla Protezione civile, e un modello speciale per i sordomuti. Due desiane che lavorano nel settore della moda da sempre hanno messo a disposizione la loro abilità sartoriale per cucire e donare delle mascherine di tela. Si tratta di Marina Zulianello, con un negozio a Monza, e la figlia Dalia Zecchin, titolare di un negozio a Desio.

Oltre cento mascherine donate alla Protezione Civile

Hanno donato più di cento mascherine alla Protezione civile nelle scorse settimane, cucendone altre per i concittadini che nelle farmacie non sono riusciti a trovarle. Le hanno anche prodotte per i sordomuti, con la parte che copre la bocca trasparente. “Avendo dovuto chiudere i nostri due negozi abbiamo deciso di metterci in gioco riutilizzando degli scarti di tessuti che avevamo da parte – hanno dichiarato – Inoltre, una ditta che ha chiuso ci ha donato l’elastico e da lì abbiamo cominciato a produrre queste mascherine”.

“Sono enormi soddisfazioni”

Ne hanno ormai realizzate più di 400. “Sono grandi, enormi soddisfazioni. Siamo molto prese – hanno aggiunto – Vogliamo cercare di fare qualcosa che sia valido e utile. La mascherina che confezioniamo è riciclabile e un domani speriamo che si possa usare per proteggersi anche dalle allergie. Cerchiamo di fare una cosa che rimanga, non vogliamo che siano solo monouso». L’ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE DI DESIO

TORNA ALLA HOME

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia