Polizia di Stato - Squadra Mobile

Maxi operazione anti droga: arrestati 53 spacciatori

I pusher agivano nei giardini di via Azzone Visconti, a Monza

Monza, 14 Ottobre 2020 ore 12:02

La maxi operazione anti droga condotta dalla Polizia di Stato ha portato all’arresto di 53 spacciatori che agivano nei giardini di via Azzone Visconti, a Monza.

Operazione della Polizia di Stato

La Squadra Mobile della Questura di via Montevecchia (in collaborazione con il personale di altre Squadre Mobili del Nord Italia, dei Reparti Prevenzione Crimine del Nord e Centro Italia, oltre ad unità Cinofile e del Reparto Volo), ieri – martedì 13 ottobre 2020 – ha dato esecuzione a un’ordinanza di misura cautelare nei confronti di 53 persone.

Un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Monza al termine dell’indagine denominata “Dedalo”.

L’attività investigativa, coordinata dai sostituti procuratori Salvatore Bellomo e Sara Mantovani, aveva preso il via a ottobre dello scorso anno. Attraverso il monitoraggio quotidiano dei giardini pubblici di via Azzone Visconti (“teatro” del maxi blitz di lunedì pomeriggio condotto dagli agenti della Polizia di Stato), l’indagine ha consentito sia di identificare le decine di soggetti che quotidianamente vi stazionavano in attesa dei “clienti”, che di chiarire i rapporti tra le due etnie maggiormente rappresentate tra gli spacciatori. Esisteva infatti una netta divisione in base alla sostanza stupefacente trattata: i gambiani spacciavano marijuana e l’hashish, i marocchini la cocaina.

Individuati anche i fornitori

Oltre agli spacciatori al dettaglio, sono stati individuati anche i loro fornitori di hashish, marijuana, cocaina ed eroina, questi ultimi attivi anche fuori da Monza, nella zona di confine tra le province di Lecco, Como e Sondrio.

Di questo intricato sistema (un dedalo, come suggerisce il nome dato all’operazione) ne erano rimasti vittima, nel gennaio del 2020, anche l’inviato del tg satirico Striscia la Notizia Vittorio Brumotti e la sua troupe, entrati nei giardini di via Azzone Visconti per girare un servizio. In quell’occasione due collaboratori dell’inviato vennero aggrediti e rapinati da due degli spacciatori che, identificati dagli stessi uomini della Squadra Mobile di Monza, erano stati arrestati poco dopo in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere.

I numeri dell’operazione

Il totale degli indagati dell’indagine “Dedalo” ammonta a 61 soggetti, dei quali 53 destinatari di misure cautelari, tutti, a eccezione di un cittadino italiano, provenienti dall’Africa occidentale. La maggior parte (una trentina) provengono dal Gambia, ve ne sono altri originari della Nigeria, del Senegal, della Guinea, della Mauritania e del Mali. Per la maggior parte sono richiedenti asilo. Altri, invece provengono dal Nordafrica, soprattutto dal Marocco).

A loro sono state contestate un totale di quasi 4.000 tra cessioni e detenzioni di sostanze stupefacenti di varia natura che vanno dalla singola dose al chilo di cocaina, fino ai 10 chili di hashish, per un valore complessivo quantificabile in almeno 500 mila euro.

TORNA ALLA HOME PAGE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia