Medico truffato rimane senza la pensione

Natale amaro per un seregnese, ignoti con documenti falsi hanno modificato le coordinate bancarie e i soldi sono finiti in Germania.

Medico truffato rimane senza la pensione
Seregnese, 15 Dicembre 2018 ore 09:09

Medico di Seregno resta senza la pensione di novembre e dicembre, aperto un fascicolo in Procura e diffida all’Inps. Ignoti con documenti falsi hanno cambiato le coordinate bancarie per l’accredito della prestazione.

Truffato un pensionato di Seregno

Natale amaro per un medico di Seregno in pensione. E’ rimasto senza la pensione di novembre e dicembre, compresa la tredicesima, per un totale di quasi 12mila euro. Ignoti con falsi documenti d’identità sono riusciti a cambiare l’Iban per l’accredito degli emolumenti, che sono stati pagati su un conto corrente di una banca di Berlino all’insaputa del beneficiario. La truffa si è consumata tramite un’operazione on line presso un patronato Inps di Napoli.

Presentati falsi documenti d’identità

Nella richiesta di rettifica delle coordinate bancarie i malfattori hanno allegato una carta d’identità con firma e fotografia false, invece erano veri i dati della pensione e dello sfortunato seregnese, all’oscuro di tutto.  Il medico si è accorto del mancato accredito dalla consultazione dell’estratto conto della sua banca. Ha subito informato l’Inps di Seregno ma anche il secondo accredito pare sia finito in Germania.

Denuncia ai Carabinieri e diffida all’Inps

Sulla vicenda il seregnese ha presentato una denuncia ai Carabinieri, che hanno trasmesso il fascicolo in Procura. Il legale che assiste il pensionato ha anche presentato una diffida al patronato di Napoli, dove si è svolta l’operazione senza controllare l’autenticità dei documenti. Diffida anche all’Inps che ha effettuato i pagamenti ma su un conto corrente che non appartiene al titolare della prestazione.

L’intera vicenda sul Giornale di Seregno in edicola da martedì 18 dicembre.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia