Cronaca
Operazione dei Carabinieri

Mettevano in vendita online case e cellulari: incassavano e poi sparivano

Due uomini sono indagati in concorso per il reato di truffa aggravata e sostituzione di persona

Mettevano in vendita online case e cellulari: incassavano e poi sparivano
Cronaca Monza, 10 Giugno 2022 ore 08:29

Mettevano in vendita online case e cellulari: incassavano e poi sparivano. I Carabinieri della Compagnia di Monza hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Monza, a carico di due uomini, liberi, indagati in concorso per il reato di truffa aggravata e sostituzione di persona.

Mettevano in vendita online case o cellulari

Le indagini - coordinate dalla Procuratrice della Repubblica Manuela Massenz e basate sui riscontri effettuati dai militari - hanno consentito di far emergere un sistema di truffe online, ideato dagli indagati. Il modus operandi era ben congegnato: proponevano sulla piattaforma "kijiji" l'acquisto di elettrodomestici o di case vacanze in località turistiche e, una volta ricevuto il pagamento su carte prepagate o conti correnti accesi in Monza, omettevano di fornire il bene o il servizio pattuito rendendosi irreperibili.

Ventotto le truffe finora accertate

Contestualmente all'applicazione delle misure (entrambi i destinatari sono stati rintracciati nel bergamasco), i militari hanno proceduto al sequestro preventivo dei cellulari e carte prepagate sulle quali venivano veicolati gli indebiti pagamenti, mentre altri due individui sono indagati a piede libero per i medesimi reati. In totale le indagini hanno consentito di ricostruire 28 truffe commesse ai danni di vittime di tutto il territorio nazionale per un profitto di 8.000 euro circa.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie