Mezzago, la comunità senegalese perdona Matteo

Il grande gesto di solidarietà e integrazione nel nome di Bill

Mezzago, la comunità senegalese perdona Matteo
Cronaca 30 Giugno 2017 ore 12:27

Mezzago, la comunità senegalese perdona Matteo. Parole forti di perdono e solidarietà quelle pronunciate dalla comunità senegalese che lo scorso sabato ha ricordato l’amico Becaye Sagna, conosciuto da tutti come Bill, partito dalla sua terra due anni fa, insieme a tanti come lui in cerca di un futuro migliore. Il 23enne, residente a Mezzago e seguito dalla cooperativa “Aeris”, ha perso la vita lo scorso 22 giugno in un incidente stradale, in via Curiel, investito accidentalmente dal 19enne Matteo Gironi.

La commemorazione

L’evento di commemorazione si è svolto sabato pomeriggio presso la sala “Arca” dell’oratorio dove l’associazione senegalese ha organizzato un momento di preghiera e ricordo per Bill. “Accettiamo la fatalità, il destino – hanno commentato gli amici – Ragazzi, perdonatevi a vicenda come noi perdoniamo Matteo per quello che è successo”.

I presenti

Ha voluto esserci anche Matteo, accompagnato dai suoi genitori, alla cerimonia di commemorazione su invito proprio della comunità senegalese. Un grande gesto di solidarietà e perdono al quale Matteo ha risposto con una lettera scritta insieme ai genitori e consegnata al sindaco Giorgio Monti.

“Caro Becaye, …”

Anche il sindaco ha voluto salutare il 23enne senaglese, dedicandogli una lettera di saluto e ricordo. “Quanto possiamo fare oggi per farti sentire parte della comunità di Mezzago? Io non ho una risposta, spero solo che il paese sia stato per te accogliente. Spero che in questi due anni tu sia riuscito a stare bene, spero che tu possa aver trovato un po’ di felicità”.

L’accaduto

Dal racconto del 19enne mezzaghese un insetto sarebbe entrato dal finestrino e lui si sarebbe distratto nel tentativo di cacciarlo. Una fatalità avrebbe quindi causato l’incidente dello scorso 22 giugno che ha visto sbandare la Renault Modus di Matteo mentre viaggiava in via Curiel in direzione Cornate e investendo quindi mortalmente il 23enne senegalese che stava camminando a lato della strada. Inutili i soccorsi giunti immediatamente sul posto, il cuore di Becaye si era fermato subito dopo essere arrivato al nosocomio di Vimercate. A due settimane dall’accaduto rimane ancora forte nella memoria di tutti quel pomeriggio del 22 giugno, che ha segnato la vita non solo di due giovani ma di un’intera comunità. Ma questa volta l’incredulità e la tristezza hanno lasciato spazio al perdono.

Le lettere, le testimonianze dei protagonisti, maggiori dettagli, le foto e i commenti della notizia li potete trovare in edicola da oggi, martedì, con il Giornale di Vimercate, disponibile anche nell’edizione sfogliabile per pc e tablet.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità