Milano Meda: Ponti “Progetto interessante ma non finanziato”

Oggi in V Commissione Territorio e infrastrutture del Consiglio regionale l'audizione con Infrastrutture Lombarde Spa. 

Milano Meda: Ponti “Progetto interessante ma non finanziato”
Desiano, 13 Dicembre 2018 ore 15:20

Milano Meda: Ponti “Progetto interessante ma non finanziato”. Oggi in V Commissione Territorio e infrastrutture del Consiglio regionale l’audizione con Infrastrutture Lombarde Spa.

Milano Meda: Ponti oggi incontro in Regione

Si è tenuta stamattina, in V Commissione Territorio e infrastrutture del consiglio regionale, l’audizione con Infrastrutture lombarde spa sullo stato dell’arte e lo studio di fattibilità della Milano-Meda. “Un progetto importante e imponente sul quale, per come è stato esposto e con le sue possibili varianti, va fatta senz’altro una riflessione approfondita”, commenta al termine della seduta Gigi Ponti, consigliere regionale del Pd, che ha chiesto l’audizione.

“Un incontro che merita ulteriori indagini perché parte dal presupposto dell’inevitabile necessità di una riqualificazione della strada nel tratto tra Bovisio Masciago e Cormano – racconta Ponti. Lo studio che ci è stato presentato mostra inoltre alcune alternative e fa riferimento a questioni ambientali che sono centrali nella discussione”.

Ponti: “Il progetto non  è finanziato”

Tuttavia, il consigliere Pd fa presente che “il problema serio è che il progetto non è finanziato. Secondo aspetto, per quanto ci riguarda, consideriamo che Pedemontana sarà terminata, e anche lo scenario futuro di queste due arterie va valutato in questa direzione. L’una senza l’altra non ha senso: il rischio è solo quello di indirizzare maggior traffico su un’unica arteria. Quindi, per noi vanno sviluppate con una logica integrata”.

Non solo: per Ponti è “arrivato il momento di avere un quadro molto chiaro rispetto agli spostamenti sul territorio, sommando le esigenze del trasporto pubblico con quello privato che si riversa sulle strade. Dobbiamo fare subito un ragionamento e soprattutto sono urgenti i finanziamenti. Altrimenti, parliamo del nulla”.