Mimmo Vottari in Tv: “Non sono né un mafioso, né un ultrà”

Il titolare del Black Devil Lounge Bar di Solaro, oggetto di un attentato, parla ai microfoni di TgCom24 nella rubrica“Fatti e Misfatti – I Fuorilegge” diretta da Paolo Liguori.

Mimmo Vottari in Tv: “Non sono né un mafioso, né un ultrà”
18 Novembre 2018 ore 01:04

“Ho fatto 16 anni di carcere, ma non sono un mafioso, lo dicono le sentenze”. Mimmo Vottari titolare del bar Black Devil Lounge  lo dichiara in un’intervista esclusiva andata in onda su “Fatti e misfatti”.

 Attentato al bar, parla il titolare

«Non sono né un ultrà, né un mafioso. Lo dicono le sentenze». Lo dichiara Mimmo Vottari, titolare del Black Devil Lounge Bar di Solaro oggetto settimana scorsa di un attentato ( hanno cercando di incendiare il locale). Lo fa in un’intervista esclusiva rilasciata a Klaus Davi che andrà in onda nel corso della rubrica “Fatti e Misfatti – I Fuorilegge” su TgCom24 diretto da Paolo Liguori. “Nel mio locale non vengono solo milanisti, ma anche tifosi di altre  squadre. Non è un club rossonero.  – spiega ai microfoni Vottari – Ho l’abbonamento solo per vedere le partite casalinghe del Milan, non sono un ultra. Ma ho deciso di non andarci più. Lo facevo per mio figlio”.

Filippo Galli al bar: “ E’ stato un regalo di un gruppo di avventori”

“Galli è stato invitato da un gruppo vicino al bar – continua sempre nell’intervista a “Fatti e misfatti” – Era la prima volta che lo vedevo. E’ venuto con sua moglie”. Vista la fama del personaggio secondo Vottari era normale scattare qualche foto insieme per postarla sui social . “Alla fine mi fa anche una buona pubblicità, non è che uno deve pensare chissà che cosa» confessa.

E sugli incontri con presunti ‘ndranghetisti afferma: «Se incontro una persona per strada che conosco da tantissimi anni, che sia pregiudicato o non lo sia, e mi chiede di bere qualcosa e siamo vicini al bar è ovvio che ci beviamo qualcosa. Era pure mio cugino ed era una vita che non lo vedevo”.

“I media mi hanno massacrato”

Vottari attacca anche la stampa che “mi ha provocato un danno d’immagine. Tutto l’interesse nei miei confronti da parte dei giornalisti mi dà fastidio: la ‘ndrangheta e i conflitti sono tutte fantasie giornalistiche”.

Puoi anche leggere: https://settegiorni.it/cronaca/esplosione-nella-notte-a-solaro-in-frantumi-una-vetrina/

 

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia