Mixomatosi dei conigli, la Brianza è “zona rossa”

Si tratta di una malattia non trasmissibile all’uomo.

Mixomatosi dei conigli, la Brianza è “zona rossa”
Brianza, 26 Settembre 2020 ore 10:18

L’Ats Brianza ha emanato in questi giorni l’ordinanza che dichiara l’intera provincia di Monza e Brianza “zona di protezione contro la mixomatosi dei conigli”.

Mixomatosi dei conigli, la Brianza è “zona rossa”

“La mixomatosi – si legge nella nota che accompagna l’ordinanza di Ats – è una malattia virale che colpisce in particolare i conigli selvatici, endemica nelle nostre zone, che si manifesta ciclicamente (circa ogni 3 anni nel periodo estivo) nelle popolazioni numerose di conigli, dove si trasmette facilmente da un soggetto all’altro.

Non esiste terapia: è un sistema naturale di regolazione della numerosità delle popolazioni di conigli. Non è una malattia trasmissibile all’uomo, necessità però di misure di igienico-sanitarie rigorose per evitare la diffusione presso conigli detenuti per uso famigliare, che devono essere protetti tramite vaccinazione preventiva”.

Cosa è vietato

Per effetto dell’ordinanza di Ats è vietato immettere nella zona di protezione o asportare dalla stessa conigli vivi o morti. E’ stabilito poi l’obbligo della vigilanza sanitaria periodica e l’abbattimento dei conigli infetti da effettuarsi esclusivamente da parte della Polizia provinciale con distruzione delle carcasse mediante incenerimento a cura di ditte autorizzate.

L’invito dell’assessore

“So che a Ceriano ci sono diverse persone che hanno conigli domestici in casa e li invito alla massima attenzione, affinché evitino le uscite degli animali ed il rischio di contatto con altri animali, suggerendo inoltre di sottoporli alla vaccinazione preventiva” – dichiara l’Assessore con delega alla protezione animali, Nenna Imperato.

TORNA ALLA HOME 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia