Monza, sgombero in via Solferino e murati gli ingressi in via Curtatone

Gli edifici erano occupati abusivamente da famiglie di senza fissa dimora

Monza, sgombero in via Solferino e murati gli ingressi in via Curtatone
Cronaca 01 Luglio 2017 ore 15:24

Monza, sgombero in via Solferino e murati gli ingressi in via Curtatone

Doppia operazione

Come promesso le Forze dell’ordine si sono presentati davanti ai cancelli dell’edificio occupato abusivamente in via Curtatone. L’idea era quella di sgomberare, ma quando si sono trovati lì questa mattina, mercoledì 5 luglio, lo stabile era già libero. Nessuno dei senza fissa dimora era più tra le stanze della palazzina.

Avevano già “traslocato”

Gli abusivi, infatti, avevano già pensato di depistare gli agenti di Polizia. Avevano lasciato la palazzina in zona Cavallotti e si erano spostati tra via Solferino e via Manara, in quella che un tempo fu la “Cgs”. Enormi stanzoni e ampie vetrate, l’habitat ideale per i nomadi in cerca di rifugio abusivo. Ma forse sono stati proprio i finestroni a tradirli, visto che le presenze sono state notate con estrema facilità.

L’intervento

E allora la Polizia, dopo aver murato l’ingresso della palazzina in via Curtatone, si è spostata in forze davanti all’ex “Cgs” di via Solferino. I mezzi si sono posizionati davanti a quei cancelli che negli anni erano stati solcati da centinaia di dipendenti e invece ora sono solo un monumento del degrado. E gli agenti, affiancati dalla Polizia locale, hanno trovato solo quello: il degrado.

I nomadi erano scappati anche da lì

Cibo da poco cucinato e ancora posizionato su un tavolino, sigarette fumanti e cenere in terra, letti non rifatti. E i giochi dei bambini sparsi qua e la. E’ questo lo scenario che le Forze dell’ordine si sono trovati di fronte questa mattina. Ma loro, i nomadi erano scappati. Sul posto anche gli agenti della scientifica per i rilievi.

La soddisfazione di Fabrizio Sala

“L’aria a Monza è finalmente cambiata e la sicurezza è tornata a essere una priorità – ha commentato Fabrizio Sala, vicepresidente di Regione Lombardia – Ringrazio il presidente Maroni per il suo intervento, l’assessore regionale Bordonali, il sindaco di Monza Dario Allevi per la sensibilità da subito dimostrata al tema della sicurezza oltre alle Forze dell’Ordine, alla Prefettura e all’Asst San Gerardo e al suo direttore generale Matteo Stocco. Bravissimi tutti. E’ ora di riportare la legalità”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità