Morte in culla, i funerali a Sant’Albino: ciao, piccola Amata

Il don: "Mi metto accanto alla madre, che per un'indisposizione improvvisa non è potuta essere qui, al papà, ai nonni, ai fratellini"

Morte in culla, i funerali a Sant’Albino: ciao, piccola Amata
Cronaca 16 Agosto 2017 ore 17:11

Morte in culla, i funerali a Sant’Albino: ciao, piccola Amata

Morte in culla: i funerali a Sant’Albino

Gremita la piccola chiesa di Sant’Albino, oggi pomeriggio per l’ultimo saluto ad Amata Onorato Pozzi, la piccola di 4 mesi volata in cielo venerdì scorso in via Libertà.

L’omelia di don Alessandro

“In una circostanza così dolorosa, non c’è nulla da spiegare – così don Alessandro durante l’omelia – Non c’è nulla da spiegare, quando ci si trova di fronte a una morte così brutta. Mi metto accanto alla madre, che per un’indisposizione improvvisa non è potuta essere qui, al papà, ai nonni, ai fratellini. Quando ho saputo la notizia della morte, sono venuto in chiesa, mi sono messo davanti al tabernacolo e davanti a Gesù riuscivo solo a ripetere il suo nome: Amata. Ma anche Dio è amore, e questa non è una coincidenza”.

Al termine della funzione, anche la toccante interpretazione, a cappella, di Hallelujah di Leonard Cohen da parte di una giovane solista. Sul sagrato il sacerdote ha anche impartito un’ultima benedizione al piccolo feretro.

Morte in culla

La vicenda: un caso di morte in culla

La bimba è stata soccorsa dal 118 nel pomeriggio di venerdì scorso e trasportata all’ospedale di Bergamo in elisoccorso, dove i medici hanno stilato l’ipotesi di una morte in culla, malgrado i risultati definitivi dell’autopsia arriveranno nei prossimi giorni.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità