Oltre seicento multe per l’abbandono dei rifiuti

A Seregno giro di vite del Comune contro gli incivili, la zona più critica rimane Sant'Ambrogio.

Oltre seicento multe per l’abbandono dei rifiuti
Seregnese, 30 Giugno 2019 ore 10:00

A Seregno oltre seicento multe per abbandono di rifiuti negli ultimi dodici mesi. La zona più critica resta il Crocione, dove la metà dei residenti non fa la differenziata.

Rifiuti abbandonati, oltre seicento multe

Negli ultimi dodici mesi le sanzioni amministrative per l’abbandono dei rifiuti sono state 630, contro le 90 registrate nell’analogo periodo precedente. Il dato è stato reso noto da Luigi Pelletti, vice sindaco e assessore alle Politiche ambientali, Smart City e Innovazione digitale. “Funziona il servizio del vigile ecologico di Gelsia Ambiente, avviato nel 2018, che segnala le irregolarità alla Polizia locale” che poi provvede ad elevare le sanzioni ai trasgressori.

Il Crocione la zona critica

A Seregno la zona più critica in tema di rifiuti abbandonati rimane quella del Crocione. Lo dimostra l’analisi dei dati relativi alla distribuzione dei sacchi blu e gialli per la raccolta differenziata rispetto a quelli conferiti. Circa la metà degli utenti non rispetta le corrette modalità di raccolta differenziata o evidenzia anomalie nel conferimento dei sacchi. Fra questi il sacchetto blu dotato di microchip che riconduce al titolare dell’utenza.

Le anomalie nel quartiere

Secondo i dati in possesso del Comune e di Gelsia Ambiente, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città, risulta che alcune famiglie in zona Sant’Ambrogio non abbiano mai ritirato i sacchi blu. Altre famiglie li hanno ritirati ma ne hanno conferiti pochi rispetto alla dotazione iniziale. Più volte sono state segnalate discariche abusive in strada, persino sotto le finestre delle case.

 

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia