Nadia Toffa sta meglio dopo il malore VIDEO

Attualmente si trova nel reparto di neurochirurgia al San Raffaele di Milano, ma le sue condizioni sembrano essere migliorate.

Monza, 04 Dicembre 2017 ore 10:45

Nadia Toffa è fuori pericolo. Lo hanno riferito i medici della 39enne, che ieri mattina era tornata cosciente. La Toffa, infatti, dopo il malore che l’aveva colta all’improvviso, era rimasta in coma per alcune ore. Attualmente si trova nel reparto di neurochirurgia al San Raffaele di Milano, ma le sue condizioni sembrano essere migliorate. In giornata la conduttrice sarà sottoposta ancora a una serie di esami, tra cui la risonanza magnetica, per capire da quali possano essere le cause del sue malore.

Il twitt di Nadia Toffa

La giornalista ieri ha scritto anche un messaggio sul profilo twitter della trasmissione “Le Iene” rassicurando i suoi fan:

“Volevo ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicino… ho preso una bella botta, ma tengo duro. Adesso parlo con i medici e cerchiamo di risolvere questa scocciatura. Stasera le Iene me le guardo da questo lettino, e vediamo che combinano senza di me… Torno presto.”

Nadia Toffa

Il malore nel weekend

La conduttrice e inviata delle Iene, Nadia Toffa, ha avuto un malore nella notte tra sabato e domenica mentre si trovava nella sua camera d’albergo a Trieste. La giornalista bresciana è stata immediatamente soccorsa e portata in ambulanza all’ospedale di Cattinara dove è stata ricoverata nel reparto di terapia intensiva. Poi trasferita al San Raffaele di Milano con l’elisoccorso.

Il video dell’elisoccorso che atterra a Linate

La “Iena” che ama Monza

La “Iena” più famosa della televisione è una grande appassionata di motori. E ha fatto tappa a Monza diverse volte:  un paio d’anni fa aveva sfrecciato in parabolica, ospite di un podcast dal titolo “Master Driver” del programma “Motor Box Tv”.

Senza dimenticare le numerose incurisioni, alcuni anni fa, al Policlinico di via Amati.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia