“Non chiuderanno le biglietterie di Desio, Seveso e Arcore”, lo garantisce Trenord

I sindaci, dopo l'incontro: "Manterremo alta l'attenzione".

“Non chiuderanno le biglietterie di Desio, Seveso e Arcore”, lo garantisce Trenord
Desiano, 20 Giugno 2018 ore 22:43

“Non è in calendario la chiusura delle biglietterie di Desio, Seveso e Arcore. Questa la garanzia che ci ha dato oggi Trenord”. Lo hanno dichiarato il sindaco di Desio Roberto Corti, il sindaco di Seveso Paolo Butti e l’assessore alla Gestione del Territorio del Comune di Arcore Fausto Perego, al termine dell’incontro di stamattina (mercoledì 21 giugno) in Comune a Desio con Trenord, rappresentata dal direttore Comunicazione e Marketing Paolo Garavaglia.

23mila i pendolari

“Trenord – proseguono i tre Amministratori – ha smentito le notizie uscite le scorse settimane sulla stampa: le biglietterie delle stazioni dei tre Comuni continuano a funzionare e a essere un importante punto di riferimento, in termini di servizi, per migliaia di utenti: sono, infatti, quasi 23mila i pendolari, studenti e lavoratori, che ogni giorno entrano ed escono dalle stazioni di Desio, Seveso e Arcore. Una presenza importante che eviterà anche il rischio che gli scali ferroviari possa trasformarsi in ‘terre di nessuno'”.

Ogni decisione condivisa con Regione e i sindaci

La società di gestione dei trasporti ferroviari ha spiegato di avere cominciato a lavorare, insieme a Regione Lombardia, a un piano per razionalizzare e rendere più efficiente la rete di vendita che nei prossimi anni sarà incentrato sul canale online, sui sistemi automatizzati e sull’incremento delle self-service. “In ogni caso – precisano Corti, Butti e Perego – manterremo alta l’attenzione e siamo certi, come garantito da Trenord, che qualsiasi decisione sulle biglietterie dei tre Comuni sarà condivisa con Regione Lombardia e con i sindaci”. In tutta la Regione ci sono 422 stazioni e in 50 ci sono biglietterie in funzione.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia