Nuova accusa per uno dei tre ladri di computer arrestati a Lesmo

L'ucraino avrebbe mentito sulla sua identità alle Forze dell'ordine nel 2015.

Nuova accusa per uno dei tre ladri di computer arrestati a Lesmo
Vimercatese, 11 Novembre 2019 ore 14:48

Nuova accusa per uno dei tre ladri di computer arrestati a Lesmo. L’uomo, un ucraino, avrebbe mentito sulla propria identità alle Forze dell’ordine.

L’arrestato si trova in carcere

Nella giornata di sabato i Carabinieri di Monza hanno notificato una nuova accusa a P.I., uno dei tre ladri di computer arrestati la scorsa settimana a Lesmo. I tre avevano trafugato computer e tablet nella scuola elementare di Bernareggio, prima di darsi, invano, alla fuga. Proprio durante quest’ultima P.I. si è frantumato il malleolo, nel tentativo di sfuggire ai Carabinieri. Arrestato e operato presso l’ospedale San Gerardo di Monza, l’uomo è stato poi dimesso e condotto in carcere. Durante la degenza l’ucraino, in seguito a una comparazione completa delle impronte digitali, è risultato essere destinatario di una condanna definitiva complessiva di un anno e un mese di reclusione per il reato di falsa dichiarazione sull’identità. Un reato commesso il 2 novembre del 2015 e su cui aveva indagato la Procura della Repubblica presso il tribunale di Rovigo.