Odontotecnico: chi è e che cosa fa

Odontotecnico: chi è e che cosa fa
Monza, 02 Settembre 2019 ore 06:00

L’odontotecnico è uno specialista che non deve essere confuso con l’odontoiatra. Sono, infatti, differenti queste due figure che si prendono cura della salute della bocca. Quando si parla di odontoiatra, si fa riferimento a quello che viene comunemente chiamato dentista. Vediamo, invece, di capire chi è l’odontotecnico e di che cosa si occupa all’interno del suo studio.

L’odontotecnico: il professionista delle protesi

La figura professionale che realizza protesi per sostituire i denti mancanti è proprio l’odontotecnico. Per risolvere i problemi di denti mancanti, è necessario rivolgersi a questo specialista che può anche sostituire un’intera arcata con denti artificiali.

Mangiare correttamente è fondamentale e sono chi si è diplomato odontotecnico riesce a studiare e produrre soluzioni ad hoc per ogni paziente. Basta con le scomode dentiere grazie alle soluzioni dell’odontotecnico. Il diploma di odontotecnico online permette di svolgere questa professione in proprio, presso uno studio dentistico oppure presso un’azienda.

Di che cosa si occupa un odontotecnico

Grazie al supporto di strumenti e macchinari, l’odontotecnico realizza delle protesi su misura per sostituire i denti mancanti e ristabilire una corretta masticazione. I motivi per cui ci si rivolge all’odontotecnico possono essere diversi; per esempio, il dente può mancare per colpa di un’estrazione oppure i denti sono caduti in seguito a patologie come la parodontite.

Lo specialista diplomato in odontoiatria, come prima cosa, verifica quale tipologia di protesi deve produrre, cioè quanti denti andranno sostituiti. Il dente artificiale deve rimpiazzare in tutto e per tutto quello mancante, favorendo una corretta occlusione. Se il nuovo dente non combacia alla perfezione con gli altri, il paziente avrà problemi di masticazione che possono anche trasformarsi in forti dolori al viso e alla testa a causa dell’errata posizione a cui è costretta l’intera articolazione mandibolare.

Come si realizza una protesi

Lo stampo serve per studiare la posizione dei denti e realizzare una soluzione personalizzata. Il dente artificiale è identico a quello naturale anche per quanto riguarda l’aspetto. Infatti, la parte superiore della protesi è realizzata in ceramiche e zirconio per riprodurre lo smalto naturale dei denti.

Per quanto riguarda la parte inferiore della protesi che sostituisce uno o più denti, si impianta una vite in titanio nella gengiva del tutto biocompatibile in maniera che si fissi e assicuri una tenuta super salda e duratura nel tempo. Quest’operazione non si può fare se la gengiva ritratta, come capita spesso nelle persone anziane. Prima di procedere, sarà necessaria una rigenerazione del tessuto gengivale.

Perché preferire una protesi alla classica dentiera

La protesi prodotta dell’esperto odontotecnico che ha conseguito il diploma superiore, permette di tornare a masticare senza problemi qualsiasi tipo di cibo senza tutti gli svantaggi legati alla vecchia dentiera. Chi portava un ponte oppure una vecchia dentiera adesiva, sa benissimo che era scomoda, difficile da pulire, si muoveva durante il giorno e il cibo si infilava dappertutto.

Una dentiera tradizionale non è in grado di assicurare lo stesso grado di comodità e praticità di una protesi dell’odontotecnico che si fonde con il resto della dentatura senza dare più problemi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia