Cronaca

Omicidio Molteni, sale il numero degli indagati

Si chiude il primo capitolo dell’indagine per l’omicidio dell’architetto Alfio Molteni: si aggrava la posizione del 60enne cesanese Giuseppe De Martino, mentre spuntano nuovi nomi nell’elenco delle persone coinvolte.

Omicidio Molteni, sale il numero degli indagati
Cronaca Seregnese, 14 Dicembre 2016 ore 09:32

Si chiude il primo capitolo dell’indagine per l’omicidio dell’architetto Alfio Molteni: si aggrava la posizione del 60enne cesanese Giuseppe De Martino, mentre spuntano nuovi nomi nell’elenco delle persone coinvolte.

L’omicidio risale alla serata del 14 ottobre 2015 fuori dall’abitazione del professionista a Carugo. I mandanti sarebbero l'ex moglie di Molteni, Daniela Rho, e il suo amante, il commercialista Alberto Brivio.  Settimana scorsa il sostituto procuratore di Como Pasquale Addesso ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini a quattro persone. Le prime tre sono l'ex guardia giurata sevesina Luigi Rugolo, De Martino e il cesanese Michele Crisopulli. Rugolo e De Martino (accusati anche di calunnia) sono entrambi indagati per il concorso in omicidio: il primo per essere stato il tramite tra Brivio e le persone assoldate per gli atti intimidatori, il secondo invece perché avrebbe accompagnato i killer, Crisopulli e il sevesino Vincenzo Scovazzo, a Carugo quella sera (anche se per questa singola posizione è ancora in indagine). La quarta persona, nome nuovo nell’indagine, è il 58enne parrucchiere Roberto Casati, con casa e attività in centro Seveso, accusato di favoreggiamento personale per essere stato il «pony express» tra Rugolo e Brivio nei mesi dopo l’omicidio.

LA NOTIZIA SUL GIORNALE IN EDICOLA E ANCHE NELL’EDIZIONE SFOGLIABILE ONLINE PER, SMARTPHONE, TABLET E PC.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie