Operazione Tabula Rasa orobica: presa l’ultima pedina del gruppo

Dopo l'arresto, nell'ottobre scorso, di un noto falsario catturato ad Agrate Brianza, ora finisce in manette anche l'ultima componente della banda.

Operazione Tabula Rasa orobica: presa l’ultima pedina del gruppo
Vimercatese, 04 Giugno 2018 ore 09:20

Dopo l’arresto, nell’ottobre scorso, di un noto falsario catturato ad Agrate Brianza, ora finisce in manette anche l’ultima componente della banda. Si tratta di una donna di 57 anni di Seriate, latitante da sette mesi, sfuggita alla cattura lo scorso ottobre al termine dell’operazione “Tabula Rasa Orobica”, coordinata dalla Procura della Repubblica e condotta dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bergamo.

Tabula rasa: riciclaggio, truffe ed estorsioni

In particolare, i militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria, a seguito d’indagini volte al contrasto di fenomeni di riciclaggio, truffe, appropriazioni indebite, estorsioni e contraffazione, condotte sotto la direzione del Pubblico Ministero Emanuele Marchisio, avevano denunciato all’Autorità Giudiziaria ben 95 soggetti. Di questi, 18 tratti in arresto, 3 dei quali latitanza durante.

Latitante da ottobre

La donna era sfuggita alla cattura nell’ottobre scorso, quando nel corso di un blitz i Finanzieri avevano eseguito gli ultimi ordini di cattura nei confronti degli ultimi cinque soggetti coinvolti nelle indagini. In quell’occasione anche un altro componente della banda era risultato irreperibile, un noto falsario, catturato dopo pochi giorni ad Agrate. I militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Bergamo si sono concentrati quindi sull’ultima pedina del gruppo. Grazie ad appostamenti e pedinamenti i militari sono riusciti ad agganciare, a Seriate, l’autovettura “Alfa Mito” di proprietà del figlio della donna e stringere il cerchio sul luogo di residenza.

Il blitz a Seriate

I Finanzieri, appostati nottetempo, attorno alle 8.30 di giovedì 31 maggio, hanno notato la latitante uscire da una palazzina in compagnia del figlio e con lo stesso allontanarsi a bordo dell’autovettura. A questo punto è scattato l’intervento che ha consentito di mettere la parola fine alla fuga della donna che è stata tratta in arresto ed assicurata alla giustizia. Ora dovrà rispondere anche di un cumulo di pene, per oltre 4 anni, emesso dall’Autorità Giudiziaria di Brescia a suo carico.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia