Dalla direzione della Maugeri

Ospedale di Lissone: restano sospese le visite ai degenti

Protocolli di sicurezza, obbligo dell'utilizzo della mascherina e percorsi di ingresso e uscita: al nosocomio si punta sulla sicurezza

Ospedale di Lissone: restano sospese le visite ai degenti
Monza, 28 Ottobre 2020 ore 14:14

All’ospedale di Lissone, che ospita il poliambulatorio gestito dalla Asst di Vimercate e un Istituto scientifico Maugeri, la situazione per il momento è sotto controllo.

Ospedale, monitoraggio continuo

La direzione sanitaria dell’Istituto scientifico Maugeri di via Bernasconi da mesi ormai ha attivato una serie di procedure per garantire un elevato sistema di sicurezza.

Attualmente sono ricoverati 37 pazienti, le attività di riabilitazione neuromotoria procedono regolarmente. Lo stesso per attività ambulatoriali, come le visite di Medicina fisica e riabilitativa – hanno spiegato dalla direzione sanitaria della Maugeri – C’è una forte attenzione, peraltro mai venuta meno dai giorni dell’emergenza, a tutti i protocolli specialmente alle operazioni di triage in accesso, che prevedono la misurazione della temperatura, il controllo dell’uso della mascherina, la sanificazione delle mani, la verifica del distanziamento all’interno e il richiamo al rispetto dei percorsi.

Nella struttura lissonese il personale viene regolarmente aggiornato sulle procedure e sottoposto a tampone.

Le visite di parenti e famigliari sono rimaste in via di principio sempre chiuse, ne sono state autorizzate in pochi casi particolari, di grande necessità per i pazienti, ma sempre controllando che venissero indossati tutti i dispositivi.

Anche l’ospedale di Lissone, nel periodo di massima emergenza nei mesi scorsi, aveva ospitato una trentina di degenti allestendo un “Reparto Covid” al terzo piano del monoblocco ospedaliero per alleggerire il peso dalle altre strutture sanitarie della Provincia.

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE DEL GIORNALE DI MONZA

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia