Ospiti speciali tengono a battesimo i lavori per il nuovo marciapiede a Renate

Questa mattina, mercoledì, il vicepresidente uscente della Regione Fabrizio Sala ha visitato il cantiere di via Mazzini

Ospiti speciali tengono a battesimo i lavori per il nuovo marciapiede a Renate
Caratese, 21 Febbraio 2018 ore 15:33

Ospiti speciali questa mattina a Renate per l’inaugurazione del cantiere che porterà il nuovo marciapiede tra le vie Mazzini e Manzoni. Il vicesindaco Luigi Pelucchi ha accolto il vicepresidente uscente di Regione Lombardia Fabrizio Sala. Con lui anche Paola Bencini e Nicolas Magnoli, quest’ultimo nel coordinamento provinciale dei Giovani di Forza Italia Monza e Brianza. Presenti inoltre i consiglieri di maggioranza Michele Annoni ed Andrea Riva, oltre all’architetto Giovanni Marziano.

Nuovo marciapiede, partiti i lavori

Sono partiti lunedì i lavori per la realizzazione del marciapiede, affidati alla ditta “Ica Strade” di Sovico.

L’opera troverà spazio sul lato sinistro della carreggiata in via Mazzini, fino all’intersezione con via Manzoni, dove, sul lato destro, continuerà fino a congiungersi con il camminamento già presente.

I marciapiedi saranno realizzazioni con cordoli in granito e pavimentazione in asfalto così come il passaggio pedonale rialzato. Su tutto il tratto interessato è prevista la predisposizione di tubazioni corrugate per il successivo interramento delle linee elettriche e di illuminazione pubblica.

Diminuita rispetto al progetto di partenza la larghezza: da un metro e 50 ad un metro e 20. Questo per non restringere eccessivamente la carreggiata e rendere quindi difficoltoso il transito dei camion.

Senso unico alternato

Per garantire la sicurezza degli operai, così come del traffico pedonale e veicolare, fino al termine dei lavori è istituito il senso unico alternato di marcia. Per tutta via Mazzini ed in via Manzoni. In quest’ultima dal civico 3 all’intersezione con via Tripoli.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia