Paolo Giorgetti rivive grazie agli studenti del liceo Curie

Toccante cerimonia a 40 anni dal rapimento e dall'uccisione del 16enne, il padre Carlo Giorgetti ai giovani: "Il futuro è vostro, dovete combattere affinché cose di questo genere non capitino più".

Paolo Giorgetti rivive grazie agli studenti del liceo Curie
Seregnese, 11 Novembre 2018 ore 13:17

Paolo Giorgetti rivive grazie agli studenti del liceo "Marie Curie" di Meda. Toccante cerimonia per il 40esimo anniversario del rapimento e dell'uccisione del 16enne di Meda, sequestrato il 9 novembre 1978 mentre stava andando a scuola.

Paolo Giorgetti rivive grazie al video degli studenti

Durante la commemorazione, nell'aula di chimica del liceo intitolata proprio a Paolo Giorgetti, è stato presentato il progetto realizzato dagli studenti del laboratorio di giornalismo nell'ambito dell'alternanza scuola lavoro: i ragazzi, dopo aver ricostruito la tragica storia del medese che frequentava proprio il liceo "Curie", hanno realizzato un video a cui è possibile accedere attraverso un QR code posizionato proprio all'ingresso dell'aula, accanto alla targa. "Questo progetto rappresenta quello che deve essere la scuola: fa analisi storica, valorizza quello che emerge e suscita nei ragazzi una presa di consapevolezza - il commento del dirigente scolastico Bortolino Brunelli - Questo lavoro dimostra come una vita, seppur breve, non si perde, si recupera".

Carlo Giorgetti ai ragazzi: "Voi siete il futuro"

Alla cerimonia era presente anche il padre di Paolo, Carlo Giorgetti, che ha ringraziato gli studenti per il lavoro realizzato in memoria del figlio e ha lasciato un messaggio: «Sono passati 40 anni, ma ancora oggi parlo con mio figlio e lo sento vicino. La cosa che mi fa soffrire di più è sapere cosa è successo e come è morto. Voi giovani dovete sapere, perché il futuro è vostro, e dovete combattere perché cose di questo genere non accadano più».

SERVIZIO COMPLETO SUL GIORNALE DI SEREGNO IN EDICOLA E ONLINE DA MARTEDI' 13 NOVEMBRE 2018

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie