Benessere

Parrucchieri ed estetiste in piazza (virtuale) per protestare

"Rischiamo di diventare l'ennesima vittima del Covid-19". Successo per l'iniziativa di Apa Confartigianato Milano e Monza Brianza.

Parrucchieri ed estetiste in piazza (virtuale) per protestare
Monza, 06 Maggio 2020 ore 14:53

Parrucchieri ed estetiste in piazza (virtuale) per protestare. Successo per l’iniziativa di Apa Confartigianato Milano e Monza Brianza.

Parrucchieri ed estetiste in piazza (virtuale) per protestare

Il settore Benessere di Apa Confartigianato, con acconciatori ed estetiste è sceso (virtualmente) in piazza questa mattina, mercoledì 6 maggio,  per manifestare, con i presidenti Giuseppe Lacorte, referente regionale della categoria, e Domenico Garruto per Milano – Monza Brianza.

Non è nostra prassi manifestare, ma questa volta non si poteva fare diversamente. È chiara a tutti la situazione di emergenza che abbiamo attraversato e stiamo ancora attraversando, di una portata mai sperimentata prima, ma se non si interviene il nostro settore rischia di diventare l’ennesima vittima del Covid-19“.  Così Domenico Garruto, acconciatore a Carate Brianza,  presidente Apa Confartigianato Benessere, che rimarca: “Vediamo delle aperture da parte del Governo, finalmente, ma bisogna far presto e assicurare alle nostre attività la possibilità di aprire in tutta sicurezza”.

Le parole del segretario e del presidente di Confartigianato MB

“Abbiamo lavorato in questi mesi e settimane per un’interlocuzione responsabile ai vari livelli, inviando lettere ai parlamentari e partecipando ai tavoli ministeriali – gli ha fatto eco  il segretario generale di Confartigianato Milano,  Monza-Brianza, Enrico Brambilla – Abbiamo chiesto aiuti differenziati per categoria, che tenessero in conto le diverse difficoltà dei vari settori, che considerassero il periodo reale di stop delle attività. Il settore degli acconciatori ed estetisti è sicuramente tra i più colpiti. Noi pensiamo ci siano le condizioni per riaprire i saloni in sicurezza, altrimenti è indispensabile prevedere ristorni economici adeguati sotto forma di contributi a fondo perduto, come annunciato dal Ministro Gualtieri”.

“Hanno partecipato alla nostra manifestazione aziende che stanno sul mercato da anni, alle quali oggi manca la liquidità: spaventano le prossime scadenze da affrontare, le bollette sono un problema e la riapertura non potrà che avvenire a ritmi totalmente diversi dai soliti e con costi più alti per la sanificazione degli spazi e l’approvvigionamento di dispositivi di protezione individuale” ha sottolineato il presidente dell’Associazione, Giovanni Barzaghi.

“Sollecitiamo, inoltre – ha concluso Barzaghi –  un rafforzamento dei controlli per contenere il fenomeno dell’abusivismo, che costituisce una grave concorrenza sleale nei confronti di chi rispetta le regole e un problema per la sicurezza di tutti noi».

Un settore che conta diecimila imprese

Il settore Benessere conta, nelle province di Milano Monza Brianza, circa 10mila imprese che danno lavoro a oltre 20mila addetti. L’effetto del combinato disposto di lockdown e abusivismo si stima causerà una contrazione di fatturato di circa 120milioni di euro.

La Fase 2,  ricordiamo, è  iniziata il 4 maggio con la riapertura delle attività del commercio all’ingrosso, del manifatturiero e delle costruzioni; entro il 18 maggio è prevista la ripartenza del commercio al dettaglio e dei musei. Le imprese artigiane coinvolte sono 889mila con 2,3 milioni di addetti. Per la categoria Benessere l’ipotesi di apertura (ma non c’è ancora nulla di ufficiale) è per il 1° giungo, ma acconciatori ed estetisti sperano che questa data venga anticipata, almeno al 18 maggio.

TORNA ALLA HOME PAGE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia