Pazienti con carcinoma mammario e del colon retto: alleanza tra ospedale e medici di base

La novità è stata illustrata durante un meeting presso l'Asst di Vimercate.

Pazienti con carcinoma mammario e del colon retto: alleanza tra ospedale e medici di base
Vimercatese, 20 Dicembre 2019 ore 11:23

Pazienti con carcinoma mammario e del colon retto: alleanza tra ospedale e medici di base. La novità è stata illustrata durante un meeting presso l’Asst di Vimercate.

Pazienti con carcinoma mammario e del colon retto: novità dall’Asst di Vimercate

Programmazione dei controlli e percorso di follow up condiviso tra specialista e medico di base che alternativamente possono occuparsi della prenotazione dei controlli, per liberare così il paziente da ogni incombenza. E’ questa la principale novità emersa durante un importante meeting che si è svolto presso l’Asst di Vimercate alla presenza di specialisti ospedalieri e medici di medicina generale dedicato al progetto di presa in carico del follow up di pazienti con carcinoma mammario e del colon retto.

Partner del progetto l’Ats Brianza che ha presenziato al convegno con il suo Direttore Generale Silvano Casazza; per l’Asst erano presenti il Direttore Generale Nunzio Del Sorbo, il Direttore Socio Sanitario Guido Grignaffini e Daniele Fagnani, Direttore del Dipartimento Oncologico.

Di che si tratta?

Il paziente oncologico dopo essere stato trattato chirurgicamente e con terapia adiuvante (chemio e radio), deve essere sottoposto, successivamente, a controlli per accertare il suo stato di salute ed eventuali recidive del tumore.
Il progetto prevede quindi che la programmazione dei controlli e del percorso di follow up sia condiviso tra specialista e medico curante, che alternativamente possono occuparsi della prenotazione dei controlli, liberando così il paziente di ogni incombenza in proposito.
“Condivisione – spiega Daniele Fagnani – significa consentire ai medici di famiglia di accedere al sistema dell’Asst per visionare non solo lo stato dell’arte clinico e diagnostico – terapeutico del paziente, ma anche per comunicare considerazioni e osservazioni”.

Il progetto sarà allargato a tutti gli ambiti territoriali

Il progetto, per il momento, è destinato ai medici di famiglia che operano nell’ambito di Vimercate (al convegno ne erano presenti una quarantina) e interessa i pazienti con un tumore della mammella e del colon retto.
A gennaio saranno definite le modalità precise della presa in carico: una volta consolidato questo modello, l’iniziativa sarà estesa ai medici di famiglia di tutti gli altri ambiti territoriali che afferiscono all’Asst.

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve