Pedemontana: il M5S presenta un esposto all’Anac

Autori il senatore Corbetta e il consigliere regionale Fumagalli, entrambi del Movimento 5 Stelle.

Pedemontana: il M5S presenta un esposto all’Anac
Desiano, 26 Luglio 2018 ore 14:14

Pedemontana, illegittimità nel nuovo progetto: presentato un esposto  all’Anac. Autori il senatore Corbetta e il consigliere regionale Fumagalli, entrambi del Movimento 5 Stelle.

Pedemontana, illegittimità nel nuovo progetto: presentato un esposto all’Anac

Il senatore del Movimento 5 Stelle Gianmarco Corbetta ha presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro Toninelli e, insieme al consigliere regionale della Lombardia Marco Fumagalli, un esposto all’Anac chiedendo di  verificare alcune illegittimità nella revisione del progetto delle tratte mancanti di Pedemontana.

Un lungo elenco di criticità

“Regione Lombardia, con una sorta di accanimento terapeutico, è riuscita a tenere in vita Autostrada Pedemontana Lombarda SpA evitando il fallimento” dichiara Fumagalli “ma non ha risolto i problemi che la società si trascina da anni e che, al contrario, sembrano destinati ad aumentare.”
Alle note difficoltà legate al closing finanziario, ai bassi livelli di traffico, agli strascichi giudiziari sulle riserve e alle richieste di risarcimento legate alla risoluzione del contratto con Strabag, ai falliti tentativi di aumento di capitale, agli extra costi di bonifica dovuti alla diossina di Seveso, si aggiungono oggi nuovi forti dubbi di regolarità legati alla revisione del progetto annunciata da Autostrada Pedemontana Lombarda SpA – fanno sapere i due esponenti pentastellati.

Difatti le modalità con cui APL ha dichiarato di voler operare sembrano illegittime – prosegue la nota del M5S. La scelta di derogare alle nuove norme tecniche nella redazione del nuovo progetto definitivo, le modifiche sostanziali al progetto già approvato dal CIPE e la futura gara senza la necessaria copertura finanziaria. Sono queste le tre gravi criticità che Corbetta e Fumagalli hanno denunciato e che consentirebbero ad APL di accelerare in maniera illegittima l’iter della realizzazione.

“Capisco che APL abbia interesse a portare avanti l’opera al più presto dato che entro 12 mesi dovrà chiudere la partita del closing finanziario come previsto dal Secondo Atto Aggiuntivo al Piano Economico Finanziario dell’opera” prosegue Corbetta, che sul suo blog a scritto un lungo articolo in merito. Ma un progetto miliardario ed estremamente problematico non può prescindere dal rispetto della legge, a garanzia dei cittadini e delle casse pubbliche”.

Monti “La Brianza attende l’opera da 50 anni. Bisogna farla”

Sulla questione in queste ore è intervenuto anche Andrea Monti, consigliere regionale della Lega e vice presidente della Commissione Territorio e Infrastrutture del Pirellone sull’esposto presentato ad ANAC.
“Per mesi il senatore Gianmarco Corbetta ha scommesso sul fallimento di Pedemontana, esito che dava per certo; ora che le sue previsioni si sono rivelate fantasiose, tenta il tutto per tutto per ostacolare il futuro di questa fondamentale infrastruttura.”.

“Sono cinquant’anni che la Brianza attende Pedemontana. Bisogna realizzarla e occorre farlo bene, rispettando sia le esigenze dei cittadini che l’ambiente. Proprio per tutelare quest’ultimo non possiamo continuare a condannare il nostro territorio ad una congestione di traffico e inquinamento perenne. Il Senatore Corbetta sta soltanto tentando ogni strumento in suo possesso per impedire che salti fuori la realtà, ovvero che la sua è una battaglia di retroguardia, fallimentare e deleteria per il futuro del territorio. Mi auguro vivamente – conclude Andrea Monti – che il Ministro Toninelli e la maggioranza di Governo riconducano l’esponente pentastellato alla realtà.”

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia