Pregiati funghi porcini e formaggi dei presidi Slow Food

Quante novità nella carta autunnale del Rise Live Bistrot!

Pregiati funghi porcini e formaggi dei presidi Slow Food
Vimercatese, 18 Settembre 2019 ore 08:00

Il cambio di stagione si porta dietro tante novità anche al Rise Live Bistrot. Si passa dal caldo al freddo, dai sapori freschi e leggeri a quelli più decisi dell’autunno. A tavola questo è un periodo speciale perché la natura regala ai buongustai tanti prodotti pregiati, a cominciare dai funghi per arrivare ai formaggi. Le temperature più fresche invogliano a scaldarsi in una location accogliente mangiando qualcosa insieme: tutte specialità caratterizzate da un sapore inconfondibile.

La carta autunnale

«E’ per questo – spiegano Giulia Battafarano, Marco Locatelli e Mattia Besana, titolari del locale – che anche noi abbiamo cambiato la carta come accade nei ristoranti. Da qualche giorno, per esempio, i nostri clienti hanno la possibilità di degustare le nostre pizze anche nelle versioni con funghi porcini e formaggi
rari selezionati dai presidi Slow Food».

3 foto Sfoglia la gallery

Pizze con porcini e formaggi rari

In particolare, i tre professionisti della ristorazione di qualità consigliano di assaggiare la pizza con porcini, formaggio pecorino marchigiano e lardo di Colonnata Igp. «Non solo – rivelano – abbiamo anche inserito una pizza ai quattro formaggi che prevede tra gli ingredienti di farcitura lo stesso Latteria friulano da presidio Slow Food e lo Storico Ribelle. Quest’ultimo è la versione storica e originale del Bitto, straordinario formaggio d’alpeggio della Valtellina. Lo Storico Ribelle ripropone la ricetta autentica del pregiato formaggio ed è interamente fatto a mano».

Ingredienti tipici e regionali

L’attenzione di Rise per tutto ciò che è tipico e regionale è conseguenza della passione per il food di qualità che contraddistingue i tre titolari. Costantemente alla ricerca di ingredienti figli delle antiche tradizioni gastronomiche regionali, hanno aderito all’associazione Pizzerie dell’Alleanza che privilegia i contatti con piccoli produttori segnalati dai presidi Slow Food: «Per tutto il mese l’Alleanza ha deciso di proporre e promuovere i formaggi più prelibati della nostra penisola, anche in coincidenza con Cheese, una delle fiere più importanti del settore caseario, che si tiene ogni due anni a Bra, in Piemonte, a metà settembre. E’ per questo che tutte le pizzerie dell’Alleanza stanno organizzando serate a tema che hanno intitolato Aspettando Cheese. Dopo la fiera il nome sarà cambiato in Continuando Cheese».

Gustando il Montebore

«Noi del Rise, in merito, diamo appuntamento a tutti i nostri clienti per il 30 settembre, quando dedicheremo un evento al prelibato formaggio Montebore, antico e ritenuto il più raro al mondo».

3 foto Sfoglia la gallery

 

Impasti ricercati

Novità anche sul fronte degli impasti: «L’ultimo introdotto è l’impasto a cottura mista al vapore. Lo si fa lievitare in teglietta effettuando una precottura al 100% al vapore, quindi gli conferiamo una consistenza esteriore secca proseguendo la cottura in forno. Il risultato è una pizza croccante fuori e morbida dentro.
Tra l’altro, è molto vario anche per miscela di farine. Lo realizziamo, infatti, utilizzando un mix di farina di grano tenero, di mais e di grano saraceno, richiamandoci alla tradizione della polenta taragna. Tutti gli impasti sono ottenuti da farine macinate a pietra e utilizzando lievito madre». In particolare, accanto a quelli classici, da segnalare gli impasti misto grano duro con semi, l’impasto integrale classico e quello ad alta idratazione con grano tenero e farina di farro.

Panini autunnali

«Tra i panini – riprendono i tre – da segnalare le novità autunnali con funghi porcini e la pizza/panino con pulled pork di nostra produzione cucinato con carni provenienti dal consorzio piemontese La Granda». Una nota di merito la conquista il pane del Rise Bistrot: «E’ fatto da noi ed è a lievitazione naturale: perfetto per gli hamburger e il pulled pork». Non a caso il Rise Live Bistrot è noto anche come Bistrot dei lievitati.

Al Rise coperto sempre gratis

Per concludere un cenno ai prezzi: personalmente siamo rimasti un attimo contraddetti notando che una margherita costa 8 euro. Alla cassa però la bella sorpresa: il conto infatti non è affatto diverso da quello delle altre pizzerie. Tutto questo perché al Rise non si paga mai il coperto e l’acqua, sempre fresca – frizzante o naturale – costa solo un euro perché ottenuta attraverso una tecnologia di microfiltraggio innovativa ed esclusiva che permette al ristorante di contenere i costi pur servendo un prodotto di altissima qualità.
Per cui, se il desiderio è quello di trascorrere una serata con la fidanzata, oppure in compagnia, gustando pizze, panini e hamburger d’ispirazione Slow Food al Rise non solo si troverà un locale caldo e accogliente, ma anche un rapporto qualità prezzo eccezionale.

 

Informazione pubblicitaria

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia