Prende a martellate il muro e libera due uccellini imprigionati

Fortunatamente i due uccellini si sono salvati dopo l'intervento della donna.

Prende a martellate il muro e libera due uccellini imprigionati
Vimercatese, 06 Aprile 2018 ore 17:51

Singolare salvataggio per una signora di Usmate che prende a martellate il muro e libera due uccellini che erano rimasti bloccati nella canna fumaria.

Le richieste d’aiuto

Ha chiesto aiuto al 112 e anche ad altri enti di protezione animale e quando ha capito che avrebbe dovuto cavarsela da sola ha spaccato il muro di casa con il martello e ha liberato due uccellini finiti nella canna fumaria. Tutto è iniziato giovedì quando Angela Spinelli residente a Usmate in via Impari ha iniziato a sentire degli uccellini cinguettare quando si trovava dentro casa. «Ho iniziato a percepire i rumori e mi sono avvicinata alla parete da dove provenivano. – ha affermato Angela – Poco dopo ho capito che all’interno della canna fumaria murata si trovava almeno un uccellino. Si tratta di una canna fumaria realizzata dal costruttore nel caso volessi realizzare un camino. Probabilmente gli uccellini sono caduti dentro dalla canna fumaria e una volta arrivati in basso non sono riusciti più a risalire».

2 foto Sfoglia la gallery

L’intervento dopo una notte insonne

La signora Spinelli ha deciso di chiedere aiuto alla vicina e trovare una soluzione: «Dopo non aver ricevuto risposta ne dal 112, Enpa e Lipu abbiamo deciso di fare da sole e abbiamo iniziato a creare un cerchio facendo dei buchi con il trapano sulla parte alta della canna fumaria. Dopo abbiamo iniziato a martellare questa parete facendo finalmente saltare il pezzo di muro necessario a far uscire i volatili. Sono passati pochi secondi e uno dei due ha messo fuori il becco per respirare e poco dopo ha iniziato a volare andando verso la portafinestra che ho a casa e uscendo poco dopo”.

L’intervista completa in edicola martedì con il Giornale di Vimercate.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia