Raccolta differenziata: i dati di Gelsia Ambiente premiano Seveso, Bovisio e Seregno

Nelle tre cittadine la percentuale di rifiuto differenziato ha superato l'80%. 

Raccolta differenziata: i dati di Gelsia Ambiente premiano Seveso, Bovisio e Seregno
Caratese, 05 Marzo 2019 ore 14:39

Raccolta differenziata: i dati di Gelsia Ambiente premiano Seveso, Bovisio e Seregno. Nelle tre cittadine brianzole la percentuale di rifiuto differenziato ha superato l’80%.

Tutti i dati sulla raccolta differenziata nel 2018

Seveso, Seregno e Bovisio Masciago. Sono i tre comuni in cui, nel corso del 2018, è stata superata la percentuale dell’80% di raccolta differenziata. A farlo sapere è Gelsia Ambiente che, in una nota diffusa alla stampa, ha tracciato un resoconto della gestione rifiuti nell’anno 2018.

Negli ultimi anni, spiega il gestore dei servizi di igiene ambientale, la raccolta differenziata ha fatto grossi passi in avanti, permettendo di ridurre il consumo di materie prime. “Tutto ciò è avvenuto grazie anche all’impegno dei cittadini che si sono adeguanti ai mutamenti apportati dai gestori”.

Aumentano le buone pratiche grazie al sacco bluRFID

In particolare con l’introduzione del sacco bluRFID per la raccolta del rifiuto secco indifferenziato, il valore medio di raccolta differenziata ha raggiunto il 76,88%, contro il 70,06% fatto registrare nel 2017.
“Se la quantità totale di rifiuti raccolti è leggermente aumentata (177.963 tonnellate del 2018 contro le 168.516 del 2017, per una media di 407 Kg/abitanti/anno contro 392 dell’anno precedente), la percentuale media di raccolta differenziata è
cresciuta di quasi il 7%.”

La quantità di rifiuto indifferenziato è passata infatti da 51.347 tonnellate del 2017 a 41.141 tonnellate del 2018 e, parimenti, il differenziato è passato da 117.169 tonnellate del 2017 a 136.822 tonnellate del 2018. “Questi dati – fa sapere Gelsia Ambiente –  indicano una quantità minore di rifiuti inviata all’inceneritore e più a riciclo, meno soldi spesi per smaltire e maggiori contribuiti incassati dai consorzi di filiera e, non meno importante, aria più pulita”.

Bene Seveso, Bovisio e Seregno

In ben cinque comuni è stata superata la soglia dell’80% di rifiuto differenziato. In particolare a Seveso la differenziata è arrivata all’85%, a Bovisio Masciago all’84%, a Rovello Porro e a Cusano Milanino all’82% e a Seregno all’81%, con incrementi percentuali rispetto al 2017 nell’ordine del 10%.

LEGGI ANCHE:

>>A Seregno decolla la raccolta differenziata con il sacco blu

>>Sacco blu, anche a Bovisio la differenziata guarda al futuro

>>Seveso da record: è il miglior “Comune riciclone” della provincia

Il confronto con le medie regionali

Numeri ancora più incoraggianti se confrontati con le medie regionali. I dati del 2017 (ultimi disponibili da fonte ISPRA) ci dicono che a livello Italia la media della raccolta differenziata è stata del 55,5%, quella del Nord Italia del 66,2% e quella lombarda del 69,6%. Migliore performance il Veneto con il 73,6%, fanalino di coda la Sicilia con il 21,7%.
Nel 2019 Gelsia si attende dei risultati migliori: in questi mesi infatti l’azienda sta lavorando per avviare il nuovo servizio di raccolta con il sacco bluRFID in altri comuni della Brianza.

LEGGI ANCHE:

Novità importanti per la raccolta differenziata a Besana: ecco cosa cambia dal 21 gennaio

Raccolta rifiuti, novità in arrivo a Desio

Si continua a lavorare

“Dobbiamo ringraziare le Amministrazioni coinvolte che hanno creduto in Gelsia Ambiente – afferma il Presidente della società Marco Pellegrini – ed i cittadini che, pazientemente, hanno modificato le proprie abitudini in merito alla raccolta differenziata. Abbiamo spinto molto sulla comunicazione e, dopo un periodo di rodaggio, ogni cosa è andata al suo posto. Il nostro obiettivo è di proseguire sulla strada dell’innovazione tecnologica applicata ai rifiuti e, per questo, stiamo lavorando per il costante miglioramento dei servizi offerti alle nostre Amministrazioni.”

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia