Cesano Maderno

Ristoratore sfida i divieti e tiene aperto per protesta

"Non ci stiamo più a passare per capri espiatori: sappiamo lavorare bene e in sicurezza ed è quello che vogliamo fare".

Ristoratore sfida i divieti e tiene aperto per protesta
Cronaca Seregnese, 15 Gennaio 2021 ore 14:37

Ristoratore tiene aperto per protesta. A Cesano Maderno Salvatore Sgrò ha aderito all’iniziativa “Io apro 1501”.

Ristoratore tiene aperto per protesta

Oggi, 15 gennaio 2021, il 46enne imprenditore Salvatore Sgrò ha sfidato i divieti e ha tenuto aperto il suo ristorante di sushi nella centralissima via Borromeo. Lo ha fatto in segno di “protesta pacifica” , aderendo all’iniziativa nazionale “Io apro 1501”. “A chi entra o prenota un tavolo dico con chiarezza che siamo aperti illegalmente – precisa – Metto tutti in guardia sul fatto che sono passibili di sanzioni, ma non ci sto più a passare per capro espiatorio”.

Poi aggiunge: “Sappiamo fare il nostro lavoro e sappiamo seguire scrupolosamente le linee guida del governo. Non siamo degli untori”. La possibilità di venire sanzionato non lo spaventa: “Faremo ricorso” annuncia.

Il sostegno all’imprenditore

I primi due clienti seduti al tavolino del Sushimar, per pranzo, sono stati due fornitori: “Siamo qui in segno di solidarietà – spiegano Martina e Milvana che a Senago gestiscono una pasticceria per la ristorazione –  Ma anche per fare sentire la nostra voce perchè anche per noi questi mesi sono stati durissimi con tutte le feste saltate. Se la situazione dei contagi non è cambiata, significa che il problema non sono i ristoranti. Tenerli chiusi non è la soluzione”.

TORNA ALLA HOME

 

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli